Borghesia cercasi

Il Rapporto Annuale Istat è impietoso nel fotografare la composizione sociale del nostro Paese.

di Lamberto Colla Parma 21 maggio 2017
Poco meno di dieci anni di crisi hanno quasi del tutto spazzato via il ceto medio, quella fascia sociale che ha retto le sorti dell’Italia contribuendo a collocarla, ai bei tempi, al 5 posto tra i paesi industrializzati.

Ormai è storia!

L’attualità è ben diversa e l’istituto nazionale di statistica mette nero su bianco quello che tutti noi percepiamo ma che il governo si ostina a ignorare.

In sintesi il Rapporto sottolinea come pesi la scomparsa delle professioni intermedie e sia in costante crescita l’occupazione a bassa qualificazione. Numeri pesanti quelli riportati dall’annuario che segnala essere in stato di povertà assoluta 1,6 milioni di famiglie, il 28,7% è a rischio di povertà o esclusione sociale.
Il lavoro si è polarizzato e le professioni intermedie sono scomparse con un consistente aumento delle occupazioni e professioni non qualificate con conseguente riduzione di operai e artigiani.
Nella nuova middle class le donne giocano un ruolo importante: nonostante nel complesso il tasso di occupazione femminile sia più basso di 18 punti rispetto a quello maschile, in 4 casi su 10 le donne sono i principali percettori di reddito.

Nell’ultimo decennio l’Italia ha perso i giovani. -1,1 milioni di 18-34 anni mentre al 1° gennaio 2017 la quota di over 65 anni raggiungeva il 22%, facendo dell’Italia il Paese più vecchio d’Europa.
Ma dei giovani che restano, quasi il 70% degli under35 vive ancora con i genitori e è difficile pensare che siano tutti dei “Choosy” di forneriana memoria.
Infine la crisi mai affrontata ha inciso sulla salute tant’è che ben il 6,5% della popolazione ha rinunciato a visite specialistiche (era il 4% nel 2008).

Numeri che fanno rabbrividire  per la consistenza attuale e per le prospettive future che vede l’Italia sempre meno dotata per costruire la ripresa; troppo debole per salire sui pochi treni che potrebbero passare.

Nessun vantaggio infatti i nostri governi, da Monti a Gentiloni passando per Letta (Nipote) e Renzi, sono riusciti a sfruttare. Il crollo del costo energetico (Petrolio greggio da 140 a 40 $ / barile) e il QE (Quantitative Easing), lo strumento non convenzionale di politica monetaria fortemente voluto da Draghi, l’Italia non è riuscita a sfruttarli come leve di sviluppo alla pari degli altri paesi partner dell’UE.
E ben presto questi vantaggi, determinati da fattori esclusivamente congiunturali, verranno meno e allora toccheremo definitivamente il fondo e non saremo più in grado di riemergere.

Con questa classe politica, in perenne campagna elettorale, non andremo da nessuna parte!

—————-&—————

(per seguire gli argomenti “Editoriali” clicca qui)

  

Torna su