A Cremona si è respirata “Aria Nuova”. Segnali di ripresa del settore zootecnico.

Grande la soddisfazione degli espositori, che hanno segnalato un aumento di scambi e contatti commerciali.

di Virgilio Verona, 30 ottobre 2017. Vivacità e curiosità. Sono i sostantivi che meglio identificano la 72esima edizione delle Fiera  Zootecniche Internazionali di Cremona che si è chiusa lo scorso sabato.

Una cinque giorni di intensi programmi distribuiti nel Village composto da 5 Aree Tematiche” (Milk, Bio, Techno, BioEnergy e infine  Forum-Italpig Village), una formula sperimentata che ha suscitato grande interesse.

Rinnovata nella tradizione: la “Fiera Bovina” di Cremona ha badato al sodo. Pochi fronzoli ma direttamente al cuore dei problemi e delle aspettative dei destinatari: gli allevatori. L’impostazione della manifestazione zootecnica dimostra che rimane vincente la formula tecnica, nuda e cruda, priva di effetti scenografici che non appartengono più al vissuto attuale.

E i risultati si sono manifestati subito, ai primi segnali di una rinnovata tendenza positiva del settore.

L’edizione numero 72 è stata caratterizzata da un rinnovato entusiasmo del settore dopo essere stato attraversato pesantemente da una crisi, lunga e profonda.

Scambi e contatti commerciali in aumento – come dichiarato dagli organizzatori – confermano il trend in crescita del settore e l’importanza del confronto diretto tra gli attori delle filiere zootecniche.

A CremonaFiere è emersa l’immagine di un’intera filiera che ha rialzato la testa, confortata dagli ottimi risultati di un “made in Italy” che dalla mangimistica agli allevamenti passando per la trasformazione, da oltre un anno e mezzo è tornato a entusiasmarsi per gli ottimi risultati. Basterà ricordare un solo dato: quello del lattiero-caseario italiano con l’export al +7,3% in volume e +9,4% in valore nei primi sette mesi del 2017. 

«Raccogliamo i frutti di varie azioni attuate da CremonaFiere: dal grande impegno per l’internazionalizzazione alle azioni di co-marketing progettate di concerto con gli espositori – è il commento del presidente di CremonaFiere Antonio Piva -. E’ il risultato della scelta di lavorare con uno stile propositivo, immediato e pragmatico: le Fiere Zootecniche hanno dedicato una parte consistente dell’agenda tecnica e scientifica allo smart agrifood, all’innovazione digitale della zootecnia di precisione, all’economia circolare come veicolo di sviluppo economico ribaltando il concetto di “scarto” e trasformandolo in valore».

I numeri della fiera confermano il crescente interesse e la leadership di Cremona nell’ambito delle manifestazioni zootecniche.

Molte le delegazioni organizzate provenienti da 16 Paesi (Argentina, Romania, Moldavia, Bulgaria, Polonia, Serbia, Croazia, India, Iran, Turchia, Azerbaijan, Georgia, Kazakistan, Uzbekistan, Tunisia, Marocco) e 53 novità di mercato presentate fra prodotti e servizi. Un’edizione costellata da 111 eventi – buona parte dei quali organizzati con la collaborazione di alcuni dei più importanti enti di ricerca italiani come il CREA – Zootecnia a Acquacoltura.

Infine val la pena di segnalare la massiccia presenza e ben visibile di visitatori ed espositori esteri (questi ultimi al +15%), segno di uno sforzo di internazionalizzazione da parte di CremonaFiere riconosciuto e premiato dal mercato di riferimento.

I NUMERI DELLE FIERE ZOOTECNICHE INTERNAZIONALI 2017

Oltre 800 marchi internazionali presenti

55mila mq di zootecnia

111 eventi fra workshop, presentazioni, dimostrazioni in 4 giornate di Fiere

53 novità presentate, di prodotti e servizi

+15% espositori dall’estero

20 delegazioni organizzate di buyers e tecnici da 16 Paesi stranieri:

Argentina

Romania

Moldavia

Bulgaria

Polonia

Serbia

Croazia

India

Iran

Turchia

Azerbaijan

Georgia

Kazakistan

Uzbekistan

Tunisia

Marocco

Torna su