Strategia o codardia?

Presidente in esilio -Catalogna

E’ finita, almeno sino a ora, come non ti saresti aspettato. Il condottiero  mancato arroccato  in esilio con altri 4 dell’ex esecutivo, parla da uno sgabuzzino dell’UE e pubblica il sito web “presidente catalogna in esilio”.

di Lamberto Colla Parma 5 novembre 2017

Non si può dire che le carte non le abbia ben scombinate il Presidente destituito della Catalogna Carles Puigdemont scompare da Barcellona, dopo aver pubblicato una foto scattata dallo studio presidenziale forse per far credere di essere ancora in sella nonostante la destituzione di Madrid, e ricompare magicamente a Bruxelles. Da una mini sala stampa, insieme a altri 7 componenti dell’ex governo catalano, Puigdemont  ha dichiarato di non voler chiedere asilo politico ma di non voler tornare in Spagna senza le opportune garanzie di un processo equo e che Madrid accetti il risultato delle elezioni che verranno indette per dicembre.

Insomma un po’ di fumo per far credere di non essere scappato ma di lavorare per la causa catalana dal cuore dell’Europa.

E per rafforzare questa sua posizione “vittimistica” ecco comparire il sito president.exili.eu  (il presidente in esilio) attraverso il quale proseguirà il contatto con i suoi sostenitori. Il sito ufficiale dell’ex governo autonomo della regione è stato anch’esso  oscurato a seguito dell’intervento del Governo centrale spagnolo in applicazione dell’articolo 155 della Costituzione spagnola.

Accusato di ribellione, sedizione e uso improprio di fondi pubblici, Puigdemont, altri dell’esecutivo e alcuni deputati, sono stati chiamati a comparire per il 2 e il 3 novembre  davanti al tribunale di Madrid.

Invito che l’esiliato presidente ha respinto al mittente e, per voce del suo avvocato belga noto per avere difeso militanti dell’ETA, si è reso disponibile a accogliere i magistrati in Belgio per rispondere alle loro domande.

Nel frattempo, si trovano già in carcere  otto membri del deposto governo catalano per i quali la Procura spagnola aveva chiesto l’arresto. La giudice della Audiencia Nacional, Carmen Lamela,  -come riportato dall’agenzia adnkronos il 2 novembre – ha accolto la richiesta per eliminare il “pericolo di fuga”. Il provvedimento ha riguardato l’ex vicepresidente Oriol Junqueras, Jordi Turull, Josep Rull, Carles Mundò, Raul Romeva e Joaquim Forn e due donne, Meritxell Borras e Dolors Bassa. Miglior sorte per l’ex consigliere Santiago Vila, che si era dimesso la sera prima della dichiarazione di indipendenza, al quale è stata concessa la libertà su cauzione (50.000€)

Armiamoci e partire, combattete e vinceremo.

Sembra essere stato questo il motto di Puigdemont. Molto imprudentemente ha proclamato l’indipendenza della Catalogna in presenza di poco più della metà dei deputati e, ovviamente, 70 dei 73 presenti (su 135 deputati) avevano votato a favore. Ma gli altri 62 assenti non rappresentavano forse l’altra metà del cielo, quella parte del popolo Catalano che, pur nell’autonomia, ama considerarsi spagnolo?

Se il buon senso non prevarrà, da entrambe le parti, il rischio che la tensione si tramuti in scontri è molto alto.

Il braciere indipendentista è stato riattivato dal “Condottiero” Puigdemont e questa nutrita parte del popolo Catalano (circa il 30%), come mi confidava un amico italiano che vive a Barcellona da molti anni,  “l’indipendenza la vuole, e basta”. “Gli animi sono tesi, anche nelle discussioni tra amici, e questo preoccupa”, conclude l’amico.

Viene quindi spontaneo chiedersi come gli indipendentisti, duri e puri, hanno interpretato la mossa di esiliare di Pugdemont? Come una guida spirituale che lavora per la loro causa dal cuore dell’europa o solo un ignobile gesto di codardia e di irresponsabilità’?

Difficile prevedere quello che accadrà a breve, molto dipenderà da come il popolo catalano interpreterà il ruolo del loro ex presidente e ovviamente dalla pesantezza della mano di Madrid. La reclusione preventiva potevano anche risparmiarsela.

Un gesto di benevolenza verso il popolo catalano, ora che il Governo centrale ha preso in mano la situazione, potrebbe essere il primo passo verso una riconciliazione, utile per la Spagna intera, per i catalani e anche per quest’Europa così poco influente nei discorsi politici e così opprimente in quelli monetari.

—————-&————— (per seguire gli “Editoriali” clicca qui)

Torna su