Fake news. Mutti smentisce il ritiro della propria passata di pomodoro per contaminazione da arsenico.

Fake news sempre più aggressive. La contaminazione del web, o meglio dei social, da notizie false sta assumendo dimensioni enormi.

di Virgilio Parma 16 novembre 2017 – “Notizie” costruite ad arte per colpire persone, personaggi di spicco della politica o dell’arte, imprese e privati cittadini, date in pasto ai social media e alla crescente comunità degli “Haters”.

E allora giù di man di vanga! Non ce ne è più per nessuno. Il popolo web si scatena e la falsa notizia rimbalza all’infinito sino a diventare “Notizia”.

Questa volta è toccato alla “Mutti”, la società parmense tra le TOP Company del settore agroalimentare nazionale,  a essere presa di mira, “accusata” di essere stata indotta al ritiro della sua pregiata “Passata di Pomodoro” perché contaminata da arsenico.

Pronta la smentita della società, che riporta all’interno del suo comunicato il link del Ministero, dove in effetti non compare alcuna segnalazione al riguardo.

L’azienda inoltre informa che “Denuncia è stata fatta alla Polizia Postale per questo ingiustificato allarme che costituisce reato penale.”

Segue il Comunicato diffuso da Mutti Spa:

MUTTI SMENTISCE IL RITIRO DELLA PROPRIA PASSATA DI POMODORO PER CONTAMINAZIONE DA ARSENICO

Parma, 15 novembre 2017 – In merito alla notizia mendace che sta girando in Rete in questi giorni, secondo la quale il Ministero della Salute avrebbe richiesto il ritiro della Passata Mutti, l’Azienda conferma che tale documento è assolutamente falso e ha già intrapreso tutte le opportune azioni legali a tutela della sua centenaria credibilità e immagine e per individuare i responsabili.

Al link ufficiale del Ministero della Salute che riporta tutti gli avvisi di ritiro in essere  http://bit.ly/2z4GbSq Mutti non appare in alcun modo.

Denuncia è stata fatta alla Polizia Postale per questo ingiustificato allarme che costituisce reato penale.

Mutti desidera rassicurare tutti i suoi consumatori: l’attenzione per la qualità e per la sicurezza dei propri prodotti è infatti alla base dei valori dell’azienda. Principi che si traducono nell’utilizzo di solo pomodoro italiano e nell’impegno costante per mantenere alti standard qualitativi, attraverso la selezione di materie prime ottimali e il controllo accurato di tutto il processo produttivo. La promessa di qualità nei confronti dei consumatori è resa possibile grazie ad un insieme di condizioni uniche tra cui la consolidata collaborazione con le associazioni agricole e i produttori e un sistema severo di controllo del pomodoro in tutte le fasi della filiera.

Torna su