Il quinto potere trasloca?

La televisione è ancora il mezzo che gode della maggiore fiducia del pubblico? Tra gaffes, notizie ridondanti e cuochi in tutte le salse, la Tv sta perdendo la capacità di influenzare la politica. Il quinto potere trasloca?

di Lamberto Colla Parma 26 novembre 2017

La televisione gode ancora di grandissima fiducia all’interno del complesso panorama dei mezzi d’informazione. E’ quanto risulta dai dati forniti in occasione del 21esimo WORLD TV DAY, che ricorre ogni 21 novembre. Fiducia meritata forse, ma molte ombre si addensano sul più gettonato elettrodomestico. 

I livelli di fiducia nei media tradizionali sono in crescita in Europa, mentre il pubblico si pone interrogativi sulla veridicità di ciò che vede e legge online. Nel 70% dei 33 paesi analizzati, gli intervistati hanno risposto di essere inclini a fidarsi della TV e in 11 paesi, la TV risulta persino essere il mezzo che ispira maggior fiducia.  In Italia, la televisione si conferma il principale strumento d’informazione, mentre i TG sono le fonti preferite (48%), seguiti dai siti internet di news (25%) e dalla stampa quotidiana (8%). A onor del vero il primo posto assoluto è conquistato dai periodici di informazione.

Molto è cambiato in questi ultimi anni e comunque la sensazione è forte, al di là dei sondaggi, che la autorevolezza della TV sia andata via via scemando. Una discesa costante seppure non così drammatica come è stata quella della carta stampata. Tv e ancor più i quotidiani, non hanno saputo interpretare il cambiamento per poi trovarsi smarriti nelle sabbie mobili della crisi economica dove la pubblicità è stata la prima illustre vittima. Le risorse finanziarie si sono volatilizzate da un anno all’altro e solo una infinitesima parte trasferite sul mercato digitale.

Così all’abbattimento dei budget pubblicitari ha fatto eco l’abbattimento delle idee, del tasso di professionalità,  e programmi sempre meno originali e a basso costo sono andati aumentando e la formula dei talk show è dilagata arrivando addirittura a trasformarsi in un contenitore di informazione. Gocce di news, sparse qua e là, all’interno dei grandi contenitori di intrattenimento, utili più a dare autorevolezza al programma “leggero” che a offrire un servizio puntuale all’utente televisivo. Ma con l’andare del tempo, per effetto di una sorta di osmosi inversa, l’informazione stessa diventa attore della leggerezza del programma che la ospita.

L’euforia e la volontà di essere i primi a pubblicare lo scoop, peraltro molto annunciato ma spesso di notevole inconsistenza, ha condotto a clamorose gaffes e errori macroscopici contribuendo a indebolire il mito della correttezza informativa di cui la TV godeva, spalancando la porta a altri mezzi, agili, a basso costo e in grado di diffondersi rapidamente per la capacità di far diventare l’utente stesso un protagonista della notizia o un commentatore, libero di esprime la propria opinione, modificando, di fatto, il rapporto tra mezzo e utente. Se prima l’utente, anche della pubblicità era un soggetto passivo, con l’avvento del digitale e dei social, l’utente diventa attore diretto, e con potere di scelta.

Così, per accaparrarsi il pubblico di massa, allo scopo di gratificare gli inserzionisti attaccati ai dati di share, ecco farsi largo nei palinsesti televisivi gli spazi destinati a chi catalizza, per un tempo più lungo possibile, la massa più ampia. Nascono e proliferano i “grandi contenitori d’intrattenimento” che dalla Domenica, giornata che li ospitò per prima, si reinventano per il  sabato e infine si adattano per la fascia del mattino e del pomeriggio.  In questo contesto, quasi per scherzo, volendo soddisfare il gran pubblico delle casalinghe, ecco che i CUOCHI, oggi CHEF, fanno il loro ingresso nei programmi della mattina per poi “infettare” tutti i palinsesti, dalla mattina alla sera. Da “ Masterchef”, con tutte le sue declinazioni, persino per bambini,  a “Una cucina da incubo”, solo per citare i più noti, i GURU dei fornelli sono andati a conquistare ogni angolino di quasi tutti i programmi/talk show, colonizzando il tubo catodico.

Intanto l’informazione diventa ridondante all’inverosimile. Sempre uguale, le notizie che restano sulla cresta dell’onda per più giorni con le redazioni che rincorrono sul web le più svariate, curiose,  strane o particolarmente cruenti notizie, potenzialmente in grado di suonare le corde più sensibili del momento.

Ma con la fretta, l’errore è dietro l’angolo e a ogni errore un pezzo di autorevolezza viene alienato.

L’ultimo esempio e per di più ampiamente diffuso è accaduto lo scorso 21 novembre.  Sulla falsa notizia della “Bambina di 9 anni stuprata dal 35enne mussulmano a Padova” (http://www.ilpost.it/2017/11/22/bambina-musulmana-stuprata-padova/#). ci sono cascati praticamente tutti, compreso La Zanzara che su Radio 24 (Sole 24 ore ) ha aperto la puntata con questa notizia.

In questa crisi di idee e di contenuti con la complicità della miopia dei direttori di rete, i “media” alternativi (digitali), con le loro contraddizioni e le purtroppo popolari “Fake News”, hanno conquistato la fiducia di moltissimi giungendo a condizionare, più del mezzo televisivo, le scelte politiche.

Così, mentre la TV la fa da padrona sulla Cucina e sul  Gossip (Rosa, Giallo o Noir) i Social Media sono entrati a gamba tesa a condizionare la politica.

Ma perdendo la capacità di orientare le scelte politiche, il quinto potere presto, anzi forse è  già accaduto, traslocherà  su altri mezzi.

Obama, Brexit e Trump sono i più illustri esempi in cui i social hanno avuto la meglio, vincendo anche sulla forza dei “sondaggi” ,  e per restare in Italia, il successo del M5S si identifica con i nuovi mezzi social, così come le grandi e inaspettate sconfitte dei referendum (trivelle e costituzionale) si devono assegnare alla forza di influenzamento della rete, visto come si erano graniticamente schierate le maggiori testate editoriali televisive. 

Della perdita di potere di influenzamento politico della “televisione” se ne stanno accorgendo anche i politici. Il rischio è che i governi (non solo quello italiano) tentino di mettere il bavaglio ai mezzi digitali, invece di dare uno scrollone alle reti TV (dovei  partiti  sono soci di maggioranza) affinché invertano la rotta e ritornino a fare una programmazione più seria, meno condizionata dagli share.

(foto copertina: Televisore anni ’50 Jonnie Nord)

 

—————-&————— (per seguire gli “Editoriali” clicca qui)

Torna su