Sciolte le Camere e anche lo Ius soli.

Coscienze a posto e elettorato intonso. Molto meno “pericoloso” approvare la legge sul testamento biologico che dare soddisfazione allo Ius Soli.

di Lamberto Colla Parma 31 dicembre 2017 – La diciassettesima legislatura è finita. Come previsto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha sciolto le Camere il 28 dicembre. Alle urne, quindi, si tornerà il 4 marzo del 2018, mentre la prima seduta del nuovo Parlamento sarà il 23 marzo per eleggere i nuovi presidenti, come deciso dal consiglio dei ministri.

E con lo scioglimento delle Camere si è dissolto anche lo Ius Soli al quale è stato preferito il “Testamento Biologico”.

L’opportunismo elettorale ha avuto la meglio.

Molto meno “pericoloso” approvare la legge sul testamento biologico, che aprirà la strada al percorso che condurrà all’eutanasia, piuttosto che “scontentare” quella parte consistente di elettorato che ancora non è pronta per “digerire” il riconoscimento della cittadinanza ai figli nati in Italia da coppie immigrate.

E pensare che, solo a ottobre, tre leader del PD (Renzi, Gentiloni e Veltroni), nella iper-mediatica occasione della ricorrenza del l decennale del partito (2007 –  fusione tra DS  Margherita),   avevano dichiarato che era “centrale il Sì allo Ius Soli”.

Alla fine, invece, lo scorso 23 dicembre, nell’ultima seduta pre-natalizia, anche 29 senatori (su 89) del PD e 3 su 16 del MPD si sono assentati dalle votazioni facendo così definitivamente franare l’ultima speranza di vedere approvato un provvedimento di cui quasi per un anno si è discusso e spesso ventilata la promessa d’approvazione o meno, pur di agevolare i lavori parlamentari e assegnare le numerosissime occasioni di fiducia al Governo.

Le coscienze, sempre che ancora ne esistano, sono state accontentate con un provvedimento etico dell’ultim’ora, seppure il meno influente in termini di voti.

Priorità quindi alla “campagna elettorale” vera e propria.

Già perché da oltre due anni abbiamo dovuto subire, una intensa quanto demagogica, inutile e banale, conflittualità  dialettica tra i rappresentanti dei maggiori partiti e le frattaglie del Pd, prevalentemente incentrate a autocelebrarsi o a insultare gli avversari, piuttosto che a risolvere questioni riguardanti gli interessi dei cittadini.

Finito il “renzismo”, almeno quello di governo palese, è stata la volta di Paolo Gentiloni che, molto meno incline del suo predecessore a fare annunci e promesse, ha saputo magistralmente tessere una tela di consensi raccogliendo così i favori sia all’interno del suo partito, il PD, sia di quella parte di sinistra che non si rispecchia nel nuovo percorso imposto da Matteo Renzi e forse anche da altra quota di moderati, qua e là sparpagliati nei vari schieramenti.

In silenzio e con l’aplomb da navigato politico della prima repubblica, Gentiloni è riuscito a cavalcare l’onda e a portare a termine i lavoretti di Renzi, lasciando a quest’ultimo lo spazio per raccontare le sue “favolette” in qualità di segretario del partito di riferimento governativo, ma riuscendo a tenergli testa nelle questioni più importanti come ad esempio la nomina del Governatore della Banca d’Italia.

Ma quello che maggiormente l’elettorato, da questa legislatura, pretendeva non si è concretizzato.

Alla tanto auspicata e peraltro più volte promessa di annullare o quantomeno ridurre i vitalizi  dei parlamentari non si è avuto notizia. In compenso il 2018 porterà in dote un incremento di spesa di circa 952€ annui per famiglia.

Dalle bollette della luce ai pedaggi autostradali,  passando per assicurazioni, servizi bancari, prodotti per la casa e spese scolastiche il portafoglio degli italiani, già abbondantemente alleggerito, verrà ancora una volta sfrondato.

Buon anno e… che il 4 marzo ce lo mandi buono!

(per restare informati – editoriali )

(Immagini dalla conferenza stampa di Paolo Gentiloni prima dello scioglimento delle Camere)

Torna su