Quando le competenze scompaiono nell’azienda liquida

Skills

La competenza dei dipendenti è la risorsa più importante in mano all’azienda. Limitarne la presenza interna per contrarre i costi a vantaggio di soluzioni esterne, significa perdere in valore assoluto il vero valore dell’azienda.

Di Guido Zaccarelli 7 gennaio 2018 – La compresenza di competenze interne – esterne, quando sono bilanciate e condivise, accrescono il valore dell’azienda, offrendo all’impresa l’opportunità di competere nei mercati globali. Si riducono i conflitti a vantaggio della comunità aziendale.

La competenza dei dipendenti è strettamente legata alla capacità di competere dell’azienda. Indebolire la prima significa promuovere attività senza controllo alla seconda. La competenza deriva dal verbo competere. L’origine latina, cum-petere, ci riporta al modo di agire insieme delle persone verso uno scopo comune, cum. Lo scopo dell’individuo è apprendere, afferrare, ogni giorno la possibilità di raggiungere nuovi obiettivi che si traducono nel riportare a fattore comune le competenze.

La crescita è continua e costante nel tempo e impiega anni per raggiungere elevati standard professionali da impiegare per formare altre persone, come passare il testimone in una staffetta della 4×100.

La storia osserva da lontano il cammino dell’uomo senza intervenire e intralciare le scelte. Solo a posteriori mette in luce i punti di forza e di debolezza della realtà vissuta. Il lavoro trae origine dalla storia e l’esperienza è l’espressione tangibile dell’errore umano che ogni giorno si rigenera in altre forme e modalità ma confluenti nello stesso punto: nutrire di competenza la competenza.

Le persone acquisiscono l’arte del fare osservando gli altri, provando e riprovando meticolosamente, fino a quando il gesto entra in armonia con il corpo, con la mente e con lo spirito e l’arte del fare diventa magia. Un meccanismo che si completa quando una mano esperta la tiene in perfetto equilibrio assicurando la giusta traiettoria di marcia per raggiungere la destinazione: competere nella competenza.

L’azienda cresce e si distingue per la capacità di dare alla luce soluzioni ad elevato valore aggiunto pescando dalle competenze interne. Il mercato osserva e premia la forza di gravità prodotta dal fare unito messo in atto dai dipendenti. I mercati corrono e ogni giorno chiedono maggiore competitività alle imprese. L’azienda risponde e spesso, anziché promuovere azioni tese a contrastare i fenomeni che si presentano al cancello d’ingresso, riduce i costi limitando la presenza del personale (esubero) e investendo in tecnologia. Il tutto in funzione del risparmio e dell’ammortamento senza prima aver creato le premesse per una gestione ottimizzata delle risorse umane e tecnologiche. Il futuro diventa incerto.

La formazione sul campo è un costo e come tale viene ridotta. Le macchine sono tecnologicamente molto avanzate e devono produrre in grandi quantità. I dipendenti sprovvisti di competenze emergenti, (per disinteresse personale o aziendale) sono superflui e dismessi (esubero).

Altri, pur in possesso di competenze specifiche, lontani dalla linea di marcia dell’azienda prendono anche loro la strada dell’esubero. La tecnologia e gli esuberi prendono il sopravvento creando spazi vuoti nel sistema delle competenze le cui carenze vengono assorbite dai dipendenti che restano e dalla collettività.

L’azienda diventa liquida e assorbe ogni onda d’urto che si genera al suo interno o si frantuma contro gli scogli dell’impresa. Il caos regna sovrano incapace di gestire le linee di azione e di comando delle competenze tra loro distanti e inavvicinabili. Tutto si riconduce alla buona volontà dei singoli come fattore di compensazione di ciò che non funziona: la competenza umana. Finalmente incontriamo qualcuno che se ne intende, merce rara, non disperdiamola. Il futuro transita ancora dall’inizio della nostra storia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna su