-35 giorni e già minacciano di “spread”

Ancora interferenze e pressioni sugli elettori dal gotha della finanza mondiale e dai loro paggetti travestiti da Uemanoidi.

di Lamberto Colla Parma 28 gennaio 2018 –

A paventare i primi rischi è stato il commissario europeo Affari Economici Pierre Moscovici, molto preoccupato per l’Italia e la sua deriva “populista” che, con le prossime elezioni, potrebbe tracimare nel mancato rispetto dei parametri di Maastricht. “L’Italia è tra i rischi del 2018 per l’Unione europea” sottolineava il 16 gennaio scorso l’Uemanoide di turno. Una preoccupazione che lo logora oggi da commissario europeo ma molto meno da ministro delle finanze francese quando del 3% se ne faceva un baffo.

Silenziato il Francese di origine ebraica romena, che al coro di proteste, ha dovuto infine replicare con “Sono gli italiani che scelgono liberamente, non c’è nessuna interferenza e non ho mai pensato che delle elezioni possano essere un pericolo” ecco che “nuove” frecciate cominciano a arrivare dal mondo della finanza internazionale.

In un modo o nell’altro, i vari economisti di grido chi dal palcoscenico di Davos (World Economic Forum) chi dalle stanze della agenzia di rating lanciano ipotesi di scenari tragici per la nostra economia e le tasche degli italiani.

Insomma la minaccia è reale e l’”invito” a porre attenzione alle elezioni del 4 marzo è più che esplicito. Se dalle urne non dovesse uscire una maggioranza in grado di replicare un governo come quello imposto da Napolitano & C,. il rischio di uno spread che torni a raggiungere vette stellari è assai probabile.

Spread BTP – Bund 10 anni 25 gennaio 2018

Spread elevato, tassi che si innalzano all’inverosimile e debito pubblico che sfora i parametri e imposizione di nuovi sacrifici.

Questo è quello che ci prospettano i portavoce dei governatori mondiali. Di quei pochi burattinai che, senza mostrare il proprio volto, gestiscono le sorti del pianeta.

Quegli stessi che sono riusciti a modificare la meravigliosa idea di una Europa Unita in un coacervo di tecnocrati incapaci ma molto ubbidienti e dal potere di sovrastare o condizionare le decisioni dei vari governi nazionali.

Nei giorni scorsi da Goldman Sachs l’ultima pesante invettiva: “il mercato non ignorerà il rischio elezioni ancora a lungo”. “Crediamo – scrivono dall’agenzia di rating  che il mercato sia compiacente – (ancora lo spread è basso intorno a 134 – ndr) – rispetto al rischio potenziale che dalle urna emerga un nuovo governo anti-europeista (ipotesi giudicata altamente improbabile da noi) o di una vittoria del centrodestra (abbastanza probabile, ma non ancora il nostro caso modello). Se comunque l’esito delle elezioni sarà la formazione di una grande coalizione volta a formare un governo (il nostro caso base), i prezzi degli asset italiani dopo il voto potrebbero tornare ai livelli attuali”.

E poteva mancare dal coro la voce tedesca? Certo che no! Infatti è il Die Welt a lanciare la sua invettiva “L’Italia è l’assoluto fanalino di coda dell’eurozona, messo anche peggio della Grecia“.

Troppi benevoli “Consigliori” cercano di indurci alla miglior scelta (per loro!) altrimenti nuovi dolori e catastrofi ci colpiranno.

Un motivo in più per andare a votare, in massa, e scegliere liberamente in barba a quelli che pretendono di soggiogarci.

(per restare informati – editoriali )

Torna su