Cereali e dintorni. Mercati chiusi, ma la tendenza rialzista emerge ugualmente. 

Mercati potenzialmente in tendenza rialzista, sotto l’effetto delle operazioni dei fondi di investimento. Il cambio rimane una scomoda incognita.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 19 febbraio 2018

Oggi i mercati sono chiusi ma la tendenza rialzista, dettata dai fondi, emerge dalla lettura dei dati sotto riportati, resi noti venerdì sera, e riguardanti le loro posizioni al 13/02:

seme e farina rialzisti come è apparso evidente dai movimenti del Chicago Board, il “lungo” del seme è di +40.869 contratti contro un “corto” della settimana prima di – 9.978; mentre il “lungo” della farina di soia è di + 70.991 contro + 52.003; il “corto” dell’olio è di -13.630 contro – 2.788.

E’ stata modificata anche la strategia sul corn/mais e sul grano, infatti la loro scopertura si è fortemente ridotta. Il “corto” del corn è così risultato di -10.614 contro – 82.924 e il “corto” del grano è di -56.831 contro un precedente di – 83.394.

Al di là dell’imponderabilità del cambio, tutto al momento gira sulle previsioni meteo in Argentina dove sembrerebbe persistere il caldo e il secco per i prossimi 15 giorni, con isolate piogge di scarsa entità.

Difficile ipotizzare con una certa attendibilità la tendenza imminente del mercato. Basando la previsione sui fattori storici e la “memoria” si potrebbe prevedere un ulteriore aumento dei valori, tant’è che in passato abbiamo osservato registrati prezzi ben superiori agli attuali. Sta quindi alla “sensibilità” di ciascun operatore decidere il livello di rischio.

L’incertezza dovrebbe avere un tempo di scadenza con i raccolti di marzo e aprile e i dati che saranno rilevati a maggio.

Per il mercato delle bioenergie nulla più da segnalare. Svanito il momento di approvvigionamenti di cruscami, anche se sul mercato sono offerti, spezzati di mais e farinette, e farine ricostruite.

Indicatori internazionali 19 febbraio 2018
l’Indice dei noli è sceso sino a 1.084 punti, il petrolio flette attorno 62,4$/bar. e l’indice di cambio €/$ segna 1,2409 e qualcuno ipotizza possa arrivare a 1,2550.

 

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore. 

Officina Commerciale Commodities srl – Milano.

http://www.andalini.it/it/

 

Torna su