La Spergola, alla conquista dei mercati con l’Università di Modena e Reggio Emilia.

Il vino è un fortissimo elemento identitario di un territorio e la “Spergola” è destinato a diventare il marchio di Scandiano e dintorni.

Ma perché questo accada e sopratutto che il consumatore si affezioni e ne avverta consapevolmente le qualità e l’apprezzamento si diffonda non è sufficiente la volontà e la qualità ma un serio e ben preciso piano di marketing.

“Il vino è la poesia della terra”, scriveva Mario Soldati nel suo libro “Vino al vino” dove raccontava dei suoi tre viaggi compiuti attraverso l’Italia alla scoperta dei vini della tradizione, alcuni addirittura scoperti da lui stesso.

Un aforisma che meglio non avrebbe potuto raccontare il connubio esistente tra un vitigno autoctono e territorio globalmente inteso, frutto della evoluzione sociale e culturale oltre che dalle condizioni orografiche e pedoclimatiche.   

E la Spergola si candida a assumere la responsabilità di identificare Scandiano e i comuni limitrofi, come portabandiera di un territorio vocato alla trasformazione enologica e non solo.

Una identità che è stata confermata anche dagli elaborati presentati da due distinti gruppi di lavoro del Corso di Organizzazione e Management della Cultura e della Creatività del percorso di Laurea Magistrale in Management e Comunicazione d’Impresa.

Due report indipendenti che giungono a conclusioni quasi identiche.

“La Spergola, non è solo un vino, – scrivono i laureandi – non è solo un vitigno, né un territorio: è la storia che unisce questi elementi, è il filo conduttore che lega un territorio alla sua gente.”  Ma l’eccellenza, la qualità e la piacevolezza non sono elementi sufficienti per aggredire un mercato globale in grado di riconoscere un’utile gratificazione economica ai produttori e conseguentemente al territorio d’origine. 

“Fagli bere il tuo vino e lo ricorderanno, faglielo vivere e non lo scorderanno.” – 

Da qui nasce il loro progetto, da un vino che, ad oggi, sottolinea il secondo gruppo di lavoro, “ha raccolto meno di quanto ha seminato, da un vitigno che rimane giustamente ancorato alla sua storia ma fatica ad aprirsi a nuovi scenari, a proiettarsi nel futuro e slegarsi, almeno parzialmente, dal suo territorio d’origine”.

A partire da questo aforisma, che riprende una delle leggi fondamentali del marketing esperienziale, è “stato sviluppato un approccio analitico che parte dal concetto del consumAttore: non si acquista solo il prodotto ma anche l’esperienza che se ne può trarre. Il consumatore non è razionale nelle sue scelte d’acquisto ma è motivato anche da fattori emotivi.” 

Un approccio ovviamente molto scientifico, composto da analisi della concorrenza, di questionari indirizzati a diversi target di operatori e consumatori, da approfondimenti storici e infine da una serie di proposte operative ipotizzando l’utilizzo di strumenti di comunicazione e marketing integrati quali:

– segmentazione di mercato

– ipotesi di organizzazione di mercato 

– comunicazione attraverso media convenzionali

– comunicazione attraverso i social media

– organizzazione di specifici eventi

– Ipotesi di codici di comunicazione e di design, sia per bottiglie sia per etichette.

In conclusione, dall’analisi dei lavori, si evince che la Spergola ha grandissime potenzialità, che la sua storia, il territorio da cui proviene e le qualità organolettiche possono spingere il vino nell’élite del mondo enologico. “Per fare ciò però – scrivono gli estensori del lavoro – ci siamo resi conto che bisognava innanzitutto far scoprire questa eccellenza a chi ce l’ha di fianco casa. Solo così è possibile ampliare i mercati di riferimento”.

Una presentazione assolutamente convincente che ha prodotto l’invito a replicare e approfondire l’esposizione direttamente al cospetto dei produttori e vinificatori, invitati dal dottor Roberto Martinelli (Casali) nei locali di Emilia Wine con  i professionisti dell’AIS, che per primi si sono presi a cuore il rilancio di questo antico vitigno.

Infatti fu proprio il convegno di Scandiano dello scorso 30 settembre, organizzato dall’AIS (Associazione Italiana Sommelier) di Reggio Emilia, a segnare il primo traguardo di un lavoro iniziato molti anni prima, come ebbe modo di sottolineare il delegato locale, Gaetano Palombella, introducendo i lavori che videro alternarsi sul palco dal professor Attilio Scienza alla dottoressa Marisa Fontana, da Mario Gherpelli (AIS) a  Flavio Spotti per concludere con una rappresentanza dei produttori aderenti alla “Compagnia della Spergola”. Un convegno che di fatto ha “dato il la” a una condivisa, trasversale e diffusa consapevolezza delle potenzialità del vitigno.

Le iniziative di AIS sono riuscite infatti a coinvolgere buona parte degli attori locali: dalle amministrazioni pubbliche ai produttori, dai testimonial scientifici ai più qualificati sommelier e infine all’Università di Modena e Reggio Emilia.

GRUPPI di Lavoro

Gruppo 1- 

Arcorio Beatrice, Argiolas Martina, Carbone Manuel, Cinquegrana Paolo , Grazia Andrea, Madrighelli Susanna, Stanco Anto

Gruppo 2- 

Campalmonti Chiara, Castrogiovanni Gioacchino, Di Napoli Emanuela, Falappa Silvia, Loggi Alberto, Pennesi Milena, Tagliavini Cristina, Verduci Fabiana

 

 

 

Torna su