Economia 4.0: il ritorno delle galee?

«La Galea è il mezzo attinto a immagine che verrà impiegato per navigare all’interno delle organizzazioni aziendali e raggiungere gli ambiti più lontani e nascosti. Lo scopo è promuovere e diffondere la cultura etica di un nuovo modello di gestione aziendale dove le persone sentendosi responsabili, contribuiscono con la ragione, con il cuore e con lo spirito a migliorare le prestazioni dell’impresa.»*

di Guido Zaccarelli Mirandola 24 febbraio 2018 – La catena del valore ideata dall’economista statunitense Michael Eugene Porter permette di descrivere la struttura di una organizzazione formata da 5 insiemi verticali posti alla base che sorreggono 4 insiemi orizzontali che li attraversano in modo longitudinale.

L’immagine della freccia indica la direzione di marcia dell’organizzazione proiettata sul margine economico. Un’azienda si sorregge con la dimensione verticale, hardware, che definisce la struttura fisica dell’azienda, e si completa con la dimensione orizzontale, software, al cui interno è presente anche la gestione delle risorse umane. Il capitale umano è la risorsa più importante delle aziende.

Il libro: Dalla Piramide al cerchio, la persona al centro dell’azienda, vuole verificare se esistono ancora oggi modelli organizzativi impiegati ai tempi delle galee. Come venivano impiegate le persone a bordo delle galee?

Le galee viaggiavano a bordo costa e per i loro spostamenti utilizzavano schiavi ai quali erano imposti ritmi di lavoro stressanti con ridotte pause, spesso all’imbrunire, dove veniva loro concesso il rancio per alimentare un corpo sottoposto a fatiche estenuanti.

Il tempo avanza. Dopo la rivoluzione industriale 1.0, 2.0 e 3.0 ora siamo nell’era della quarta rivoluzione industriale, chiamata 4.0. Il lavoro alla catena di montaggio di norma è estenuante. In certi casi può essere parificato a quello degli schiavi con le stesse modalità di pausa loro concesse per recuperare l’elevato livello di stress: lavora, lavora, lavora, pausa, lavora, lavora, lavora.

La catena di montaggio che doveva contribuire ad alleviare le fatiche dell’uomo donandogli una maggiore disponibilità di tempo da dedicare al benessere personale e familiare e ambire ad una società migliore, si trova costretto a rispettare i tempi di un aguzzino digitale (tac time) programmato per incrementare il numero delle unità di prodotto nel minor tempo.

Il livello di stress delle persone è molto alto a seguito della velocità di scorrimento della linea e della frammentazione del lavoro in unità sempre più piccole per velocizzare i tempi di apprendimento delle azioni da svolgere.

Situazioni in cui l’apprendimento è contenuto all’interno di una giornata di lavoro ottenuto con l’affiancamento di una / due persone in possesso della necessaria competenza tecnica e professionale.

Il tutto per massimizzare la redditività d’impresa. Il turn over è elevatissimo.

Il malessere personale elevato con forti ricadute sui costi sociali che devono farsi carico di recuperare il disagio prodotto dalle aziende che devono produrre in quantità sempre maggiori per competere, per incrementare i livelli di redditività e di riflesso alimentare nuove forme e fonti di guadagno.

È qui che bisogna intervenire per elevare il valore della persona riconsegnando la dignità al fattore umano che la catena di montaggio ha tolto e reso evidente nella sua durezza e crudeltà nel film Tempi Moderni magicamente interpretato da Charlin Chaplin.

Il mondo in cui viviamo si trova di fronte a grandi cambiamenti e la velocità con cui la realtà muta sotto i nostri occhi è incessante e spesso imprevedibile.

L’evoluzione della tecnologia sta conducendo le persone a vivere un futuro sconosciuto per la complessità degli eventi che possono succedere nell’immediatezza degli accadimenti.

Una cosa è certa: le galee sono ancora oggi la testimonianza reale di come in certi casi la storia sia rimasta ferma al XIV° secolo, incapace di allontanarsi dagli accadimenti per la forte motivazione soggettiva che spinge l’uomo a incrementare il livello di ricchezza personale e il valore economico assegnato alle proprie imprese che vivono l’economia 4.0.

«Le persone che oggigiorno lavorano in una catena di montaggio, a cui viene chiesto di produrre incessantemente per raggiungere elevati livelli di produzione e di redditività aziendale, vivono le stesse condizioni provate dai rematori ai tempi delle Galee, quando venivano incatenati ai remi delle loro imbarcazioni per raggiungere velocemente il porto, oppure qualcosa è cambiato?»*

* Dalla Piramide al Cerchio, pag. 35, 43, Guido Zaccarelli, Franco Angeli Editore.

_________________________________________________________________________________________________________

Guido Zaccarelli

Guido Zaccarelli è referente dl Servizio Informativo dell’Azienda Sanitaria di Modena, presso il distretto di Mirandola. Laureato in Comunicazione e Marketing, ha conseguito un Master in Management per il coordinamento delle professioni sanitarie. Dal 2008 è docente di informatica presso l’Università di Modena Reggio.

Bibliografia: Informatica, insieme verso la conoscenza (2010) – La conoscenza condivisa, verso un nuovo modello organizzativo (2012) – Finestre di casa nostra (2013) –  Dalla piramide al cerchio, la persona al centro della azienda (2016).

Video streaming – Blog digitale live – Feltrinelli – https://www.youtube.com/watch?v=gIt7fJWV7cE

Torna su