Pomodoro: obbligo di etichetta Origine dei derivati del pomodoro in etichetta

Il presidente OI Rabboni: “Un passo avanti per la tutela del made in Italy”. L’assessore Caselli: “Si valorizza un settore di punta del nostro territorio”.

“La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto che introduce l’obbligo di indicazione in etichetta dell’origine dei derivati del pomodoro dà finalmente avvio alla realizzazione di un fondamentale strumento di tutela della qualità della produzione made in Italy, a vantaggio, in primo luogo, dei consumatori”.

Questo il commento di Tiberio Rabboni, presidente dell’OI Pomodoro da industria del Nord Italia, alla notizia, diffusa dal ministero delle Politiche agricole, relativa alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto sull’etichettatura dei derivati del pomodoro con il quale si introduce la sperimentazione per due anni del sistema di etichettatura, nel solco della norma già in vigore per i prodotti lattiero caseari, per la pasta e per il riso.

“Come OI – dichiara Rabboni – abbiamo condiviso questo percorso sin dall’inizio, sottoscrivendo già nel 2010 una posizione ufficiale in cui si manifestava la necessità di obbligo dell’origine in etichetta, dimostrandoci disponibili a collaborare per la sperimentazione con cui favorire il percorso normativo nazionale. La filiera del Nord Italia, da sempre vocata ad una produzione di grande qualità nel segno della sostenibilità, promuove da tempo iniziative, come quella dell’etichettatura, che perseguono la trasparenza nell’interesse dei produttori e dei trasformatori di pomodoro da industria. Ad essere tutelato e protetto dall’introduzione dell’etichetta sarà il lavoro di tutta la filiera che, proprio pochi giorni fa, ha sottoscritto l’accordo quadro, fra Op ed imprese di trasformazione, ed ora si appresta ad entrare nel vivo dell’attività di campagna 2018 che potrà dunque essere la prima contraddistinta dall’introduzione dell’etichettatura d’origine dei derivati del pomodoro. Il nostro auspicio, per il futuro, resta quello di un’estensione del sistema di etichettatura a livello europeo, tramite la piena attuazione del regolamento Ue 1169 del 2011”.

“L’introduzione dell’obbligo di etichettatura d’origine per tutti i derivati del pomodoro – ha sottolineato l’assessore regionale all’Agricoltura dell’Emilia Romagna, Simona Caselli – è un fondamentale passo avanti nel percorso per dare più trasparenza all’informazione rivolta ai consumatori, che in questo modo potranno apprezzare con maggiore consapevolezza le caratteristiche dei prodotti che acquistano, a tutto vantaggio della filiera produttiva del pomodoro da industria, uno dei fiori all’occhiello del nostro territorio per l’elevato standard qualitativo, esportato in tutto il mondo. Proprio per questo motivo continueremo a sostenere gli sforzi degli imprenditori – produttori agricoli e industrie di trasformazione – per una maggiore competitività della filiera, facendo leva su promozione e innovazione”.

Torna su