Bayer sempre più vicina alla Monsanto

Chiude tra alti e bassi l’esercizio 2017 di Bayer. Il CEO del colosso svizzero, nel presentare i dati ha anche anticipato la possibilità che, entro il secondo trimestre, possa finalmente andare in porto la acquisizione di Monsanto.

Leverkusen, 28 febbraio 2018 – Il CEO di Bayer, Werner Baumann, ha presentato i dati del 2017 e anticipato le strategie prossime, tra le quali la acquisizione di Monsanto che dovrebbe prevedere anche la cessione del comparto sementi alla BASF, con la quale è stato siglato, nel corso del 2017, un pre accordo del valore di 5,9 miliardi di euro per la vendita di una parte del business legato alle sementi ogm.  

Tutte le operazioni di cessione e di acquisizione sono sotto l’osservazione dell’antitrust, in forza delle consistenti quote di mercato che ogni azienda o asset possiedono.

In sintesi, Bayer archivia il 2017 con utili in crescita del 61,9% a 7,3 miliardi di euro. Il fatturato sale dell’1,5% a 35,01 miliardi. L’Ebitda si attesta a 9,2 miliardi e l’ebit cresce del 2,9% a 5,9 miliardi. Si è trattato di un altro anno record per il farmaceutico con un incremento dei ricavi del 4,3%. L’indebitamento è calato del 69,5% 3,59 miliardi di euro.

Escludendo il Brasile, che ha rallentato la crescita del gruppo, le vendite globali sarebbero salite nel 2017 del 3%, con una crescita del mercato europeo dell’1,5% e nordamericano del 6%.

Se il segmento crop protection risente della situazione brasiliana, Bayer ha registrato un aumento del 2% nell’animal health (zootecnia e animali da compagnia), del 14% nell’Environmental Science, il business legato alle applicazioni non agricole, e del 9% nel segmento sementi.

APPENDICE

Report 2017 Bayer: https://www.bayer.com/en/2018-02-28-financial-news-conference.aspx

Video report 2017 Bayer CEO Werner Baumann: https://youtu.be/iaq0rmBAgmg

 

Torna su