Cereali e dintorni. I dazi, la nuova variabile negativa.

La decisione di Trump di imporre i dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio mette apprensione anche nel settore agricolo per i timori di ritorsioni sul settore primario.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 4 marzo 2018

I fondi spingono al rialzo e stanno aumentando le loro posizioni di coperture. Ma all’orizzonte si delinea anche un’altra variabile, “la guerra dei dazi” che ha tenuto banco lo scorso venerdi. La decisione di Trump di imporre i dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio mette apprensione anche nel settore agricolo per i timori di ritorsioni sul settore primario e i comparti a esso connessi (carne, uova, polli).

Comunque dopo la Borsa di Buenos Aires, anche “Informa”, ha portato la sua stima della produzione di semi di soia in Argentina a 44 milioni di tonnellate e a 33,50 quella del corn mais. L’USDA di febbraio erano rispettivamente a 54 e 39 (precedente campagna; 58 e 41).

Purtroppo le previsioni meteo dei prossimi 10 giorni non indicano miglioramenti netti e definitivi.

Di merce nel mondo non ne mancherà di certo anche se l’Argentina dovesse produrre 10 milioni di tonnellate in meno, ma l’effetto sarebbe comunque esplosivo.

Nel mercato interno nulla di nuovo da segnalare salvo ripetere che si sono già registrati casi di storni di quote e /o contratti a fronte di franchigie scadute o ritardati pagamenti, quindi il suggerimento di porre attenzione alle esecuzioni contrattuali.

Si mantengono inforza tutti i proteici, cruscami ancora in aumento, fibrosi sempre ben tenuti e questo sarà cosi sino a tutto aprile-maggio. Stanno prendendo più forza i cereali sia sul mercato interno che estero. Infatti il corn mais ucraino, del marzo venerdì quotava a dollari 193 contro 192 di giovedì 1/3. L’aprile/maggio quotavano a dollari 199 contro 194. L’ottobre/novembre/dicembre erano quotati a dollari 187 contro 183 invariati. mentre il corn mais comunitario cioè il Rumeno-Bulgaro per marzo venerdì quotava ad euro 161 contro 163 di giovedì 1/3. L’aprile quotava ad euro 161 contro 164 e il maggio euro 163. L’ottobre/novembre/dicembre erano quotati ad euro 154 contro 153.

Per le bioenergie nulla da segnalare se non quella di porre attenzione a potenziali e possibili rincari di cereali e sottoprodotti derivati.

Gravi i problemi di logistica sia per il meteo, sia per le ordinanze delle Prefetture.

Indicatori internazionali 5 marzo 2018
l’Indice dei noli è risalito sino a 1207 punti, il petrolio è attorno a 61,5$/bar. e l’indice di cambio €/$ segna 1,22820

Torna su