Ecosostenibilità – non solo agricoltura.

La moda usa e getta ha conquistato il secondo posto per consumo idrico. L’impatto sull’ambiente è diventata vera e propria emergenza.

di Virgilio Parma 3 aprile 2018 – Non solo “Agricoltura”. L’ecosistema sembrava compromesso quasi esclusivamente per effetto dei danni causati dall’agricoltura e in particolare dalla zootecnia.

Il grande utilizzo d’acqua è il punto debole sul quale si concentravano le accuse al settore primario e in seconda battuta l’inquinamento da chimica per le colture agricole e da emissioni in atmosfera degli allevamenti zootecnici.
Per molto tempo, almeno stando alle cronache giornalistiche, l’agricoltura è apparsa come il male per eccellenza dell’ambiente.

Invece, pian piano e ovviamente con le dovute cautele perchè i soggetti coinvolti sono economicamente potenti e danno, più o meno, “da mangiare e poco più” a milioni di persone, l’industria tessile si scopre essere una vera e propria catastrofe ambientale.

Sotto la lente d’ingrandimento in particolare è la “fast Fashion”, la moda del basso costo e delle “52 micro stagioni” che negli ultimi 20 anni ha spinto a mutare radicalmente i comportamenti d’acquisto dei consumatori.

Secondo uno studio McKinsey – richiamato da Valerio Gualerzi su Repubblica.it -, “tra il 1995 e il 2014 il prezzo dei capi di abbigliamento è cresciuto molto più lentamente di quello di tutti gli altri beni di consumo, con un record nel Regno Unito dove, a fronte di un aumento del 49% del prezzo medio delle merci, quello del vestiario è diminuito invece del 53. Un crollo che ha conquistato folle di consumatori, innescando un meccanismo infernale”.

Un tempo eravamo abituati alle due stagioni della moda “Autunno-Inverno” e “Primavera-Estate”, con l’avvento delle gradi catene come H&M e Zara per intenderci, ogni settimana è una nuova stagione di moda e il basso costo dell’Outfit spinge al cambiamento e i capi, secondo uno studio delle Nazioni Unite, vengono indossati per la metà del tempo rispetto gli anni 2000, mentre circa il 40% non viene proprio mai indossato.

Secondo il medesimo studio, presentato il mese scorso a Ginevra, come riportato da Wwd.com richiamando le parole di Olga Algayerova, executive secretary della U.N. Economic Commission for Europe, questa industria, il cui valore globale si aggira sui 3mila miliardi di dollari, sia la seconda al mondo per consumo di acqua, produca il 20% del totale delle acque di scarico e il 10% delle emissioni globali.

A ciò si aggiunga il fatto che le fabbriche di cotone utilizzano un quarto di tutti gli insetticidi e l’11% per cento dei pesticidi usati a livello globale, a fronte di un misero 3% dell’investimento in superficie agricola totale. Un impatto, quello della produzione del cotone, ben visibile anche dal satellite, dove si rileva che il lago d’Aral si è ridotto al 10% rispetto agli anni ’60 per effetto delle piantagioni di cotone Kazako.

E’ evidente che si è di fronte a una vera e propria emergenza.

Dopo l’industria dell’estrazione dei minerali, la seconda per impatto ambientale è quella legata all’abbigliamento.

Per certi versi il mondo del “Fast Fashion” è molto prossimo al regno petrolifero. A partire dal 2007, infatti, il poliestere è diventato la fibra più diffusa per l’abbigliamento con ripercussioni drammatiche anche per l’inquinamento degli oceani dove la maggior parte degli scarti infine giunge.

In conclusione, se gli ambientalisti chiedono all’industria tessile pratiche industriali molto meno impattanti, è il cambiamento nel comportamento del consumatore che potrebbe fare la differenza riducendo drasticamente la domanda di moda “usa e getta”.

Torna su