Cereali e dintorni. Mercati in apprensione per le stime delle scorte di Corn.

I dati USDA che verranno pubblicati in serata, potrebbero confermare le stime di netto ridimensionamento degli stock di corn. Ma altri tre elementi stanno mettono pressione ai mercati internazionali.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 10 maggio 2018

Domani conosceremo l’aggiornamento dei dati USDA con le ultime stime della campagna 2018-2019 che già stanno mettendo apprensione agli operatori di mercato. In particolare a essere attesi sono i dati sugli stock del Corn che potrebbero risultare in netto calo per effetto dei minori areali di semina.

Un secondo punto di incertezza la Cina: ”Sul fronte Cina le – scrive una  agenzia italiana specializzata –   agenzie di stampa hanno riportato che Trump ha informato che è previsto a breve un colloquio con il Presidente Xi ed è anche annunciata, per la prossima settimana, una visita in USA del Vice Presidente Liu. Queste informazioni/comunicazioni possono aver contribuito a portare il segno più sul seme e sulla farina. I “contatti” USA/Cina chiaramente continuano”.

Un Terzo punto di inquietudine è l’uscita  degli USA dall’accordo nucleare con l’Iran che potrebbe avere riflessi sul prezzo del petrolio e quindi dei noli.

Infine un quarto punto dolente è rappresentato dal cambio €/dollaro che sta penalizzando gli acquisti.

Sul mercato interno  molto probabilmente rincareranno i proteici e in qualche misura i cereali, così come è rimandato il calo delle crusche e dei foraggi, condizionati questi ultimi dalle difficoltà di raccolta a causa delle piogge.

Sul fronte proteici viene segnalata la possibilità di acquistare Panello di Lino in sacconi a prezzi molto convenienti sul mese di maggio e giugno (da 320 a 340/345 in base alle varie aree di consegna) e si è riacceso anche l’interesse sulla farina di Guar.

Per i bioenergetici il momento è particolarmente difficile per il sussistere   di una maggior domanda a fronte di offerte di sottoprodotti scarse. L’industria molitoria, risiera, agroalimentare stanno lavorando al di sotto delle loro potenzialità e, come anticipato,  le insistenti e sparse piogge stanno rendendo difficile il raccolto dei trinciati d’erbaio primaverili

Un mercato quindi di difficile interpretazione, che rende quasi impossibile l’operare sui future a lungo termine,  appesantito dal rapporto di cambio euro/dollaro. 

Indicatori internazionali 9 maggio 2018
l’Indice dei noli è salito sino a 1432 punti, il petrolio è stabile a 70,60/bar. e l’indice di cambio €/$ segna 1,18366

(resta sempre informato sull’argomento consultando la nostra sezione Agroalimentare)

___________________________________________________________________

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.

Officina Commerciale Commodities srl – Milano

____________________________________________________________________

            Andalini Pasta dal 1936

Torna su