Cereali e dintorni. Perdura l’incertezza sui mercati.

La situazione sui mercati rimane sempre incerta e, molto probabilmente,  rimarrà tale sino a quando la “guerra fredda” dei dazi non avrà fine.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 4 giugno 2018

Per meglio comprendere il mercato è necessario analizzare i dati usciti venerdì sera, inerenti le posizioni dei fondi di investimento, che dimostra la posizione complessivamente rialzisti sul corn, sul seme di soia, sulla farina di soia.

 

 

 

Sul corn i Fondi hanno un “lungo” di 202.427 contratti rispetto a 199.070 della scorsa settimana. Quindi rialzisti.

Sul seme hanno un ” lungo” di +107.098 contro +98.128, anche in questo caso rialzisti.

Sulla farina hanno un “lungo” di +112.788 contro +113.297 anche qui rialzisti.

Sul grano hanno un lungo di + 15.315 contro un corto di – 1.685 e qui decisamente hanno cambiato atteggiamento e sono rialzisti. Sull’olio hanno un “corto” di – 61.817 contro – 47.249 quindi hanno accorciato le loro scoperture.

Quando il mercato del grano s’infiamma, i problemi generalmente si riflettono anche sulle altre materie prime.

Il 2017 aveva ben abituato gli operatori con prezzi golosi ma poi, a gennaio, è cambiato tutto e ora da diverse settimane il mercato è allineato su valori medio alti con l’aggravante del tasso di cambio sfavorevole. Al nervosismo determinato dalla “guerra fredda” e dalla variabile cambio, occorre aggiungere, le molteplici variabili meteo.

Il mercato interno non mostra segnali di cambiamento: proteici ancora cari e scarsità di merce per farina di soya proteica e normale caricabile (ma nel mese la situazione della farina di soya dovrebbe riequilibrarsi con i cospicui arrivi); continua la penuria di farina colza e girasole a basso tono proteico, ma anche in questo caso vi sono spiragli di miglioramento a medio termine. Scarsità ancora per semola di mais e distiller sia di mais che di grano, per i cruscami, che comunque si sono stabilizzati, e ancora per diversi fibrosi. Mais ben tenuto, grano caro, orzo di difficile reperimento, una situazione che però dovrebbe volgere al termine entro 7, forse 10 giorni.

La variabile di disturbo potrebbe arrivare dal mais nazionale che scarseggia.

Sul pronto la farina di soya proteica caricabile quota 410/412€ tonnellata, mentre per i futuri la farina di soya per il 2019  che quota: 373 la normale e 382 la proteica partenza ai porti sul primo semestre, mentre per il secondo quota 347 la normale e 356 la proteica.

Nulla di diverso da segnalare per il mercato delle bioenergie, se non un quantitativo di seme di Colza inquinato da diserbante. A breve saranno disponibili gli avanzi di lavorazione del mais dolce, con valori intorno ai 25 € alla tonnellata entro un raggio di 80 km dal luogo di produzione.

Indicatori internazionali 4 giugno 2018
l’Indice dei noli è salito sino a 1156 punti, il petrolio è a 66,00$/bar. e l’indice di cambio €/$ segna 1,1692

@Pastificio.Andalini #Pastificio.Andalini

(resta sempre informato sull’argomento consultando la nostra sezione Agroalimentare)

___________________________________________________________________

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.

Officina Commerciale Commodities srl – Milano

____________________________________________________________________

            Andalini Pasta dal 1936

Torna su