Ilaria Bertinelli, la “cuoca poliglotta,” ovvero come fare di necessità virtù.

Mater artium necessitas”, dicevano i latini, tradotto in lingua corrente in diversi modi ma tutti dal medesimo significato come “fare di necessità virtù, oppure “la necessità aguzza l’ingegno”.

di Lamberto Colla Parma 11 giugno 2018 –  Mater artium necessitas”. Qualunque sia la traduzione, questa calza a pennello con la storia, ma soprattutto la filosofia di vita, di Ilaria Bertinelli. Cresciuta professionalmente come interprete dall’eterno sorriso ammaliante, si è ritrovata, da un giorno all’altro, famosa come mamma, cuoca “nutrizionista” e scrittrice, per il solo fatto di avere dato sfogo alla creatività culinaria pur di soddisfare il palato della giovane figlia toccata dallintolleranza al glutine e da diabete autoimmune.

Nasce quindi Uno Chef per Gaia – La gioia della cucina per diabetici celiaci e appassionati”. L’esperienza diretta diventa “manuale”.

Così, tra una traduzione di inglese, cinese, francese o turco,  ecco che cresce la passione e di riflesso anche la fama di Food Blogger.

Ed oggi, se si dovesse etichettare Ilaria Bertinelli, due sarebbero le sue attitudini principali, l’interprete e l’esperta di cucina in diete “senza”.

Il minimo comune denominatore che accomuna i  due spiriti che albergano in Ilaria è l’inossidabile sorriso, specchio di un’anima serena e di una mente lucida.

Da poco più di un mese è terminato “Cibus 2018” , una delle più accreditate manifestazioni agroalimentari d’Europa e Ilaria Bertinelli con parte del suo Team di Interconsul srl, di cui è Amministratore Delegato, sono stati ingaggiati per offrire il servizio di interpretariato ai convegni che hanno fatto da sfondo all’evento internazionale.

Ma non era raro vederla poi partecipare a CibusOFF  come  attrice intrattenendo gli ospiti con le sue preparazioni.

“Con l’Ente Fiere di Parma – dichiara Ilaria Bertinelli – abbiamo un rapporto che dura da quando, nel 1997  abbiamo rilevato la società (Interconsul) che operava nell’ambito dell’interpretariato sin dal 1976 e abbiamo assistito a un continuo  mutamento della domanda, soprattutto con l’avvento di Internet e della posta elettronica. Così noi abbiamo proseguito la strada delle specializzazioni e dell’ampliamento della gamma di lingue offerte. Un commento sul Cibus di quest’anno è che, oltre a una notevole quantità di partecipanti, i convegni erano di particolare interesse, tanto che le sale restavano piene sino a fine evento.”

La vivace curiosità di Ilaria non va mai in vacanza e dalla cabina di traduzione simultanea di Cibus prende nuovi spunti di riflessione e chissà, forse, nuove idee per future “opere”.

“Un convegno che personalmente mi ha aperto la mente anche per la mia passione per la cucina e le diete speciali è quello organizzato da Confconsumatori dedicato agli orizzonti nel settore dell’alimentazione che i consumatori si possono aspettare nel prossimo futuro. Quello che mi ha colpito è che sono state presentate due direzioni di sviluppo nella ricerca di fornitura di proteine sostenibili alternative a quelle esistenti. Ma soprattutto mi ha colpito il fatto che queste due ipotesi sono prossime all’ingresso sul mercato. Mi riferisco  all’utilizzo degli insetti come fonte di proteine nobili ed efficienti dal punto di vista ambientale come alimenti per gli animali allevati per produrre carne. Al momento, in Europa, queste proteine sono già stati autorizzati per l’acquacoltura e a breve ci si aspetta che possano essere estesi anche per gli allevamenti di polli e di maiali. Inoltre, questi insetti potrebbero essere alimentati dallo scarto alimentare.  Tutto ciò renderebbe la produzione di proteine animali molto più sostenibile per l’ambiente.

Il secondo scenario è quello della “Carne Coltivata”. All’inizio quando avevo ricevuto la documentazione del convegno ero convinta che “carne coltivata” fosse una cattiva traduzione dal testo originale in inglese. Invece si riferisce alla produzione di carne sfruttando la capacità rigenerativa  e riparatrice delle cellule somatiche di una parte di muscolo estratta da un bovino vivo che, in determinate condizioni (ambiente con aminoacidi, zuccheri e altro materiale nutritivo di origine vegetale), le  cellule ricostruiscono la fibra muscolare che quindi cresce e in 7 settimane arriva ad un peso di 1 Kg di carne che possiede le stesse caratteristiche strutturali e di sapore di quella di provenienza originaria.”

Un convegno quindi illuminante per la novità di approccio al problema che potrebbero, nel brevissimo periodo, andare a soddisfare il dualismo, a questo punto non più competitivo,  tra tradizione culinaria e sostenibilità ambientale.

Quindi la duplice attitudine di Ilaria ha trovato l’occasione di condividere spazi e tempi dando piena soddisfazione all’anima professionale e all’anima creativa.

“In generale, conclude Ilaria Bertinelli, dal nostro privilegiato punto di osservazione, abbiamo notato una affluenza molto numerosa e composta a tantissimi operatori di settore più che di semplici curiosi. Molti gli stimoli, oltre al ricco calendario di convegni, c’era molta innovazione di prodotto e attenzione alle diete speciali, con mia grande gioia. Ho notato che sempre più aziende mettono in evidenza la presenza di determinati allergeni presenti nelle loro produzioni. Comunque dobbiamo sottolineare che a Parma abbiamo una straordinaria gamma di prodotti accessibili a tutti, perché dal Parmigiano Reggiano al Prosciutto per concludere con il Pomodoro, godiamo di prodotti naturalmente privi di glutine, lattosio e carboidrati.”

Per Ilaria il prossimo appuntamento sarà Cibus Connect per l’ambito alimentare, ma nel frattempo l’Ente Fiera proporrà altri eventi di grande attrazione internazionale (vedi Mercante in fiera, Gotha ecc…) dove l’ampia gamma di lingue offerte da Interconsul (Inglese, francese, turco, russo, giapponese, cinese, ecc.) contribuirà a fare meglio apprezzare gli eventi, ma anche Parma e le sue straordinarie potenzialità, gastronomiche, artistiche e di accoglienza.

 

Torna su