Nasce l’industria 5.0: l’era della Conoscenza Condivisa, la persona al centro

In molti si stanno affrettando a coniare e ipotizzare scenari innovativi da attribuire a Industria 5.0, la fase postuma dell’Industria 4.0 che vede attualmente protagonista ancora la macchina al posto dell’uomo impiegata per

massimizzare la gestione organizzativa e rendere efficiente i processi produttivi.

di Guido Zaccarelli Mirandola 17 giugno 2018 –  L’Industria 5.0 sarà l’era della Conoscenza Condivisa dove la persona è al centro dell’azienda e la macchina posta al lato dell’uomo, in posizione strategica, per sostenere l’innovazione di prodotto e di processo. Un cambio di paradigma e di prospettiva necessario per affrontare le sfide offerte dalla globalizzazione. Lo scenario appena descritto, forte di una tecnologia digitale molto avanzata, ha messo alle corde molte aziende che non hanno tenuto in considerazione la necessità di disporre in tempo reale di personale formato ad operare all’interno di un mondo completamente nuovo e staccato dal precedente mondo analogico. Un vuoto che le imprese stanno cercando di colmare con molte difficoltà. Una transizione che si doveva, e poteva prevedere, agendo sulla formazione costante delle maestranze sempre tenuta lontana dalle posizioni di ascolto, di promozione e di valorizzazione delle singole e comuni identità personali e professionali. I cieli sono circolari e Platone li accetta come punto di riferimento oggettivo per la misura del tempo, dove tutto torna: l’uomo finalmente ritorna protagonista assoluto della nuova era cosmica dell’industria 5.0 che assorbirà in tutto, o in parte, l’industria 4.0 per delineare la nascita dell’Economia 5.0, quella che veramente proietterà l’uomo nell’Iperuranio, oltre la volta del cielo. Quando la tecnologia sarà assorbita in tutte le funzioni cardini, serviranno persone preparate e formate a condividere la conoscenza per raggiungere il fine comune. Una svolta che le aziende tendono ancora a tenere lontano, dai propri propositi, perché immersi nell’acquisto e nell’impiego di nuove tecnologie, nella produzione e nella ricerca di persone in possesso di requisiti specifici per condurre le macchine al lavoro. Quando riusciranno a vedere oltre il confine del proprio sguardo attuale l’Industria 5.0 della Conoscenza Condivisa sarà pronta a seguirli in un cammino dove le persone affronteranno con impegno il lavoro quotidiano, spinti dalla forza dell’adesione alla reciprocità che segnerà la nascita dell’Economia 5.0 uniti dalla volontà comune messa in atto dal mondo istituzionale, sociale e imprenditoriale. L’Industria 5.0 della Conoscenza Condivisa è un modello di gestione organizzativa che pone la persona al centro dell’azienda. È l’innesto di una nuova cultura e senso dell’etica sociale all’interno delle organizzazioni. La creazione di luoghi di lavoro felicitanti pone le persone nella piena disponibilità di condividere la conoscenza e accrescere il valore etico ed economico dell’azienda. Si tratta di un modo d’intendere in modo differente la relazione tra le persone per incoraggiare lo scambio paritetico delle comunicazioni tra individui, dal centro alla periferia e viceversa, e sollecitare interventi di adattamento reciproco di tutti i componenti dell’organizzazione. L’industria 5.0 della Conoscenza Condivisa porta con sé inumerevoli vantaggi, quali, la riduzione delle necessità di controlli e quindi dell’impiego di tempi non produttivi, la minore incidenza delle assenze ingiustificate e dei tempi morti di attività, la condivisione generalizzata delle sorti aziendali, conseguente ad una maggiore certezza del posto di lavoro e al miglioramento professionale ed economico, il feed back delle conoscenze dalla base verso l’alto, così da consentire un costante miglioramento prestazionale, l’eliminazione del turn-over motivato dalla ricerca di miglioramenti. L’industria 5.0 della Conoscenza Condivisa impegnerà l’azienda anche ad adottare il Techinal Report UNI T/R 11642 da inserire nella carta dei servizi dell’azienda per promuovere il valore della persona. L’industria 5.0 della Conoscenza Condivisa è pronta per salpare. Occorre un comandante disposto a condividere un progetto che parla al futuro sottoposto, come per Platone, a superare l’esame della Doxa, dove hanno senso e valore i concetti di passato, presente e futuro come l’Industria 5.0 della Conoscenza Condivisa. Anche per Noi tutto tornerà e sarà l’inizio di una nuova era.

 

GUIDO ZACCARELLI: 
Bibliografia: Informatica, insieme verso la conoscenza (2010) – La conoscenza condivisa, verso un nuovo modello organizzativo (2012) – Finestre di casa nostra (2013) –  Dalla piramide al cerchio, la persona al centro della azienda (2016)
CURRICULUM
Guido Zaccarelli è referente dl Servizio Informativo dell’Azienda Sanitaria di Modena, presso il distretto di Mirandola. Laureato in Comunicazione e Marketing, ha conseguito un Master in Management per il coordinamento delle professioni sanitarie. Dal 2008 è docente di informatica presso l’Università di Modena Reggio.

Torna su