L’ultima zampata di Marchionne?

All’orizzonte una alleanza strategica tra FCA e Hiundai che porterebbe il nuovo gruppo a svettare sul mondo dell’automotive. A tecnologia e centri di ricerca coreana si affiancherebbe l’appeal dei marchi FCA.

di Lamberto Colla Parma 8 luglio 2018 –

Si chiude il sipario per Sergio Marchionne alla guida di FCA. Sarà il 2019 l’anno che segnerà la fine dell’era Marchionne, ma c’è da esserne certi, l’originale AD italo – canadese riuscirà a sorprendere tutti con una uscita di scena eclatante, da prima donna del palcoscenico. Intanto, come promesso a gennaio scorso, è riuscito a azzerare il debito del gruppo, annunciando una posizione netta industriale positiva.

Non ha mai fatto segreti di essere interessato a una fusione con GM, alla cui guida c’è saldamente quella Mary Barra, che dall’alto dei suoi quasi 23 milioni annui di stipendio, guarda tutti i CEO dall’alto al basso. Una fusione che molto probabilmente avrebbe fatto molto piacere anche allo stesso Trump. Un invito a ”cena” per ora sempre declinato dalla “Signora” di Detroit che in tutta risposta, lo scorso anno, decise di cedere Opel ai francesi di PSA.

Nelle ultime ore invece sembra più plausibile l’ipotesi di un interessamento di Hiundai.

Alcuni rumors indicavano, già un anno fa, la possibilità di alleanze nel segno delle tecnologie a idrogeno, piuttosto che a una, poco convincente, ipotesi di trasferimento al colosso coreano del solo marchio JEEP.

Col passare delle ore invece si starebbe concretizzando l’idea di una acquisizione da parte del gruppo di Seoul (quinto mondiale nell’automotive) di FCA, che invece sta guidando le classifiche per valore.

Hiundai, che controlla anche Kia,  è un mega gruppo multisettoriale che controlla diverse risorse strategiche per una impresa automobilistica. Oltre alla forte capacità di accedere a delle ingenti risorse finanziarie, Hiundai, ha accesso diretto a tecnologie di punta (robot industriali ed elettronica, ad esempio) e persino  a materie prime come l’acciaio. Hyundai Steel, infatti, è una vera e propria major dell’acciaio, quindi partner chiave per una industria automobilistica.

Se da parte coreana c’è valore finanziario e una alta gamma di proposte, soprattutto del segmento SUV, Hiundai sconta invece un minor appeal dei propri prodotti che invece riceverebbe in dote da FCA grazie ai marchi , Alfa Romeo, Jeep e Maserati ad esempio.

Insomma, per quello che era una realtà automobilistica tutta italiana, oggi invece con sedi a Londra e in Olanda, si prospetta una nuova e florida stagione che potrebbe coincidere con il passaggio di consegne tra Sergio Marchionne, che anche recentemente ha dichiarato di essere stanco, e il suo successore di cui si saprà il nome solo nel 2019.

Unico neo è che i soldi dei contribuenti italiani, sin dai tempi della “prima rottamazione” sono finiti nelle tasche altrui e non son serviti per creare occupazione e benessere nazionale.

Chissà che presto o tardi torni di moda l’orgoglio nazionale!

(per restare sempre informati sugli editoriali)

Torna su