Tutta colpa di “Alfredo”… Salvini

Ma che brutto spettacolo quello che la politica & C. ci sta offrendo. Dalle morti in mare alla bufala dell’OMS la compagine politica sta mostrando il peggio. Meglio sarebbe spegnere gli smartphone e accendere i cervelli.

di Lamberto Colla Parma 22 luglio 2018 –

L’ennesima bufala scatena il putiferio e dà il là a sciogliere le lingue contro il Governo e Salvini in particolare.

A onor del vero lo stesso Matteo Salvini, sempre pronto a schiacciare sulla tastiera di Twitter, è stato indotto a reagire pesantemente contro  la notizia, attribuita all’ONU e all’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) secondo cui il Parmigiano Reggiano, l’Olio Extra Vergine di Oliva e vari altri prodotti dell’eccellenza alimentare nazionale, sarebbero da paragonare al “fumo delle sigarette” e perciò tassabili e etichettabili con diciture e immagini analoghe a quelle orribili che fan bella vista  pacchetti di sigarette.

“Parmigiano reggiano, twittava Matteo Salvini il 18 luglio, ma anche prosciutto, olio, pizza e altre eccellenze italiane dannose come il fumo??? All’Onu sono matti, giù le mani dai prodotti italiani!”

Una ghiotta occasione per sparare contro le azioni del Governo e attribuire ad esso anche questa responsabilità, oltre ai 947 morti nel mediterraneo (peraltro circa 1/5 del 2016 e la metà del 2017). 

Così il web si è scatenato e messaggi del tipo “Non sarà – per caso – che queste nuove idee salutistiche sono collegate all’ incredibile atteggiamento sovranista e negazionista del nostro nuovo governo, che ogni giorno dà lezioni a tutto il mondo su qualsiasi argomento ben farcite di arroganza (e ignoranza economico sociale)…”

hanno preso possesso dei social, spesso affiancati alla discussione sull’accordo CETA stipulato poco più di un anno fa tra Canada e UE.

Ma sopra a tutto c’è da dire che la notizia è una “BUFALA” terribile, e ancor più terribile è la genesi, involontaria scaturita da una pessima interpretazione e poi diffusione, attraverso gli organi e le agenzie di stampa (non solo WEB e social!),  delle raccomandazioni dell’ONU e dell’OMS riguardo le “Non communicable diseases” (NCDs)

ovvero quella gamma di malattie (cardiovascolari e tumorali) derivanti dagli stili di vita e non da agenti patogeni (Leggi il Foglio “Bufatlite Cronica sull’OMS” di Giordano Masini del 19 luglio 2018).

Così si è montati tutti in gara a chi la sparava più grossa contro l’ONU, l’OMS, e ovviamente “Alfredo”, colpevole di tutto ciò che di peggio sta accadendo nel mondo intero.

Come se il piccolo statista italiano, che sia Salvini, Di Maio, Renzi, Mattarella, Letta (Giani e Enrico) piuttosto che Monti o qualunque altro delle precedenti prima e seconda repubblica, fosse accreditabile a essere un soggetto influente nella politica internazionale, al punto tale che una sua dichiarazione verbale possa scatenare una guerra, seppur commerciale.

Non illudiamoci, non contiamo nulla e conteremo sempre meno se le reazioni saranno di questa natura.

Invece di fare fronte comune e dimostrare che l’Italia è una, solida e coesa nelle questioni che riguardano il proprio popolo, le proprie imprese e le proprie tradizioni, si è scatenata una guerra in”civile” offrendo uno spettacolo a dir poco vomitevole.

Al contrario Trump ha immediatamente preso le difese della loro GOOGLE sanzionata dalla UE con quasi 5 miliardi di € per “abuso di posizione dominante”.

Noi al contrario siam capaci di scatenare il caos sulla base di una “BUFALA”. Complimenti a tutti!

 

(per restare sempre informati sugli editoriali)

Torna su