L’Onorevole Antonella Incerti alla CIA Reggiana

CIA Reggio Emilia ha incontrato l’On. Antonella Incerti, unica rappresentante reggiana in Commissione Agricoltura

    L’On. Antonella Incerti (PD) ha incontrato presso la sede reggiana di CIA – Agricoltori Italiani i dirigenti dell’associazione, con alla testa il presidente regionale Cristiano Fini ed il collega provinciale Antenore Cervi. Si è trattato di un contatto che da entrambe le parti viene auspicato come prodromico ad altri più approfonditi confronti, sullo stato e sulle esigenze dell’agricoltura – non solo provinciale – stante il fatto che l’On. Incerti è l’unica tra gli eletti reggiani a far parte della Commissione Agricoltura nei due rami del Parlamento, nel suo caso a Montecitorio.     Un contatto da entrambe le parti ritenuto necessario, per consentire all’On. Incerti di acquisire elementi utili per rappresentare le problematiche e le istanze del territorio, una delle aree agricole di rilievo nazionale, collegata tra l’altro ad un settore agroalimentare di alto livello e ad un comparto industriale e di servizi collaterali che insieme fanno del primario reggiano un comparto d’avanguardia, grazie ad una tradizione di qualità di indubbio valore.

    Al centro dell’attenzione temi di attualità come il trattato Ceta – “tema tecnico diventato terreno di scontro politico ed ideologico” secondo Cervi – la gestione della Politica agricola comune (Pac), di cui si sta discutendo la prossima riforma; temi molto sentiti tra gli agricoltori come l’invaso in val d’Enza (l’On. Incerti ha presentato un’interrogazione sul Piano invasi già previsto dal precedente governo), fino alla pressione degli animali selvatici sull’attività agricola, alle complicazione burocratiche del sistema assicurativo.

    E’ stato fatto anche un rapido giro d’orizzonte sull’andamento del settore a livello provinciale: problemi manifesta il settore cerealicolo per gli effetti del maltempo ripetuto negli ultimi mesi, cosa che ha danneggiato anche la viticoltura collinare, mentre le cantine stanno però per liquidare cifre record ricavate dalla vendemmia dello scorso anno. Regge il settore suinicolo, mentre l’allevamento legato al Parmigiano Reggiano non può che augurarsi che continui la congiuntura favorevole.

N.B.: Nella foto da sx On. Incerti, Cervi, Fini.

 

Torna su