R.I.P. – Se ne è andato, in silenzio, un uomo capace e intelligente.

Un uomo  solo al comando! Nessuno come lui nell’Italia moderna. Potrebbe esser accostato a Enrico Mattei per il coraggio e la determinazione. 

di Lamberto Colla Parma 25 luglio 2018 –  In silenzio e con la consueta riservatezza, Sergio Marchionne ha lasciato questo tempo a soli 66 anni, pochi giorni dopo l’annuncio di aver annullato, anzitempo, il debito di FCA.

Nessuno, dei comuni mortali, era a conoscenza della sua malattia e tantomeno che fosse a questo livello di gravità e anzi in molti sognavano di essere al suo posto, in attesa di lasciare le cariche operative del gruppo restando solo con quella più “divertente” ovvero a capo della Ferrari, come era nelle sue intenzioni.

Invece, il fumo lo ha portato via, sottraendogli il gusto del meritato riposo terreno per spalancargli le praterie del riposo eterno.

Un’intelligenza fine e sfidante è venuta a mancare alla Famiglia Agnelli e e al gruppo FCA ma anche alla nazione. Marchionne era l’ultimo anello che teneva connessa l’Italia al Gruppo automobilistico che prese le mosse da Torino e che senza il suo arrivo non esisterebbe più. Ben che fosse andata la FIAT sarebbe stata acquisita da qualche multinazionale straniera che avrebbe svuotato le fabbriche e fatto bella mostra dei marchi di maggior prestigio.

Marchionne invece ha cavalcato la globalizzazione! Ha saputo sfruttare tutte quelle “buone occasioni” concesse alla multinazionali, come ad esempio l’elusione fiscale, trasferendo la sede a Londra e in Olanda, ha negoziato con Obama un prestito che ha puntualmente restituito dopo avere, in brevissimo tempo, realizzato il piano di rilancio della nuova FCA, ha rotto con Confindustria e con i sindacati, insomma ha fatto ciò che ogni manager dovrebbe fare: portare risultati all’azienda, quindi a tutti.

E lui c’è riuscito!

E’ riuscito, nel giugno scorso, a annullare il debito di FCA e ora sarebbe stato pronto a condurre le ultime battaglie, come anticipato nell’editoriale dell’8 luglio scorso:

  • Una fusione strategica, probabilmente con Hiundai;
  • penetrare efficacemente il mercato americano con i prodotti FIAT;

– il rilancio di Maserati.

C’è da esserne certi, ce l’avrebbe fatta.

Verso quest’uomo, pur non condividendo certe sue azioni, va portato rispetto per la sua intelligenza e per quello che ha fatto e quelle rappresentanze politiche che anche oggi, al capezzale, criticano con disprezzo certe sue scelte, chiedo perché altrettanto furore non avessero destinato all’”Avvocato” e agli altri vari senatori della Repubblica della famiglia Torinese, così avvezzi alle relazioni internazionali e a frequentare il Jet set internazionale, ospiti eccellenti dei rotocalchi rosa, e con una porta riservata all’INPS quando le cose andavano male e allora la cassa integrazione interveniva, spesso e per lungo tempo.

Sono quei capitani d’industria che dalla prima “Rottamazione” costruirono la fabbrica in Polonia o che, quando il mercato non tirava più (con la Duna era difficile vendere!) ecco che prontamente arrivavano a sostegno i  “sindacati” che avviavano una mobilitazione “Dura” portando “involontariamente” risparmi alle casse Fiat (le ore di sciopero non sono retribuite), contribuivano a ridurre la produzione ma così facendo caricavano ancor più sugli operai le inefficienze padronali.

Ma gli Agnelli erano “sacri” e intoccabili, così come i De Benedetti (Olivetti docet) o gli austeri di Novara Boroli-Drago (De Agostini) che dalle enciclopedie sono diventati leader mondiali del gioco.

Questi osannati, Marchionne invece attaccato anche a decesso avvenuto. Nemmeno la pietà gli è stata riconosciuta da certuni che hanno responsabilità di governo.

Marchionne il tempo per andare a farsi un cocktail a Montecarlo non l’aveva e adesso, che avrebbe potuto godersela, non ha più una vita.

Ce ne fossero come Lui e invece a noi restano i criticoni rosiconi “Rossi”.

Riposi In Pace!

(foto: 8 April 2011 – Chrysler Group CEO Sergio Marchionne (left-right), Congressman Hansen Clarke (MI-13), Plant Manager Pat Walsh, Secretary Tim Geithner, and UAW President Bob King on a tour of Jefferson North Assembly Plant (JNAP) in Detroit.)

Torna su