A chi giova paragonare il Parmigiano ai danni da fumo?

Il dubbio che le  potenti multinazionali possano averci messo lo zampino è più che legittimo. Pensar male si fa peccato, ma spesso ci si prende…

di Lamberto Colla Parma 29 luglio 2018 –

Abbiamo visto come i “boccaloni” nostrani siano riusciti nell’intento di dare valore a una bufala elevandola a notizia, per di più negativa e fortemente dannosa per un comparto strategico della nostra economia come è l’agroalimentare.

Abbiamo osservato come i nostri “miserabili” politici abbiano la capacità di sfruttare ogni occasione, anche la più bufalina, per dar contro agli avversari pur sapendo di fare un danno al proprio paese, rammentandoci ancora una volta che il loro interesse privato o di partito va ben oltre l’interesse collettivo, quindi nazionale.

Abbiamo osservato come le testate giornalistiche “dotte”, “importanti”, quelle che prendono anche i finanziamenti statali e i soldini dai lettori, dopo la “involontaria” pubblicazione di una str…ta, non abbiano avuto il ritegno di ammettere l’errore o quantomeno di correggere il tiro.

Niente di tutto ciò! Silenzio nella speranza, come d’altronde sempre accade, che il tutto cada nell’obblio senza danni per i colpevoli.

Una domanda sorge spontanea, perché e a chi giova tutto ciò?

Potrebbe essere che dietro ci sia un maestro d’orchestra e magari anche di coro a dirigere la sinfonia contro la prestigiosa “tradizione gastronomica” nazionale allo scopo di alzare le barriere e contrastare quelle che sono le osservazioni di OMS e ONU?

Il dubbio che le  potenti multinazionali possano averci messo lo zampino è più che legittimo.

Pensar male si fa peccato, ma spesso ci si prende, amava citare il saggio e longevo Giulio Andreotti!

Intanto ragioniamo sui tempi.

La “notizia”, poi una volta accertata essere una bufala è stata leggermente corretta in “Bozza OMS” dagli organi di Confindustria, organizzazione di controllo anche del Sole 24 Ore, era rimasta in gestazione 45 giorni.

In tutto quel tempo nessuno aveva avuto occasione di leggere, analizzare e divulgare i contenuti corretti di una “bozza”?

Dove si legge che il “Parmigiano Reggiano” è come il Fumo e che è necessario applicargli una etichetta “mortale”?

Piuttosto il documento (Time to Deliver di World Helth Organisation) offre spunti di riflessione ai governi. Tra questi la possibilità di introdurre un’etichetta che segnali gli eccessi di zucchero, di grassi saturi e di sale, senza peraltro stabilire quali siano i limiti per una dieta equilibrata.

Nel documento quindi non si scende nei dettagli del come realizzare un’etichetta informativa del cliente, semmai il rischio, anziché cercarlo alla sede OMS meglio ricercarlo a Bruxelles, dove la Commissione Ue sta studiando come realizzarla, sotto la lente di ingrandimento dei rappresentanti delle grandissime multinazionali dell’alimentare.

Non è che per caso il suggerimento di Time to Deliver, di introdurre incentivi fiscali e disincentivi per indurre a migliori stili di vita, possa aver allarmato le sopraddette aziende? Non è che per caso l’obiezione di OMS sia verso l’uso di zuccheri, sali, acidi grassi saturi e trans (tipo margarine e idrogenati ad esempio), componenti di “prestigio” di bibite, merendine e altre amenità alimentari che troviamo sulle scaffalature dei super e iper mercati di tutto il mondo e che incrementano obesità e disturbi alimentari, cardiovascolari compresi?

L’Inghilterra ha già introdotto la “Sugar Tax” sulle bevande e il Portogallo sul sale, senza peraltro applicarla al Parmigiano e al Prosciutto concentrando l’attenzione a crackers e patatine fritte.

Vuoi vedere che tutto ciò è servito per alzare una cortina di fumo sui signori della malnutrizione?

 

(collegati per scaricare il documento TIME TIO DELIVER)

(per restare sempre informati sugli editoriali)

Torna su