Emilia Romagna – Interrogazione del Consigliere Michele Facci su infezione da West Nile

Interrogazione del Consigliere Regionale Michele Facci su infezione da West Nile. Il sottoscritto Consigliere Regionale Michele Facci.

Premesso che:
– Secondo gli ultimi dati riportati dalla stampa locale, dal mese di giugno 2018 ad oggi in Emilia-Romagna vi sono stati 25 casi noti di infezione per febbre da “West Nile”, di cui 12 nell’area metropolitana di Bologna. Diciassette di questi casi avrebbero riguardato soggetti donatori di sangue. Nella provincia di Ferrara vi sono stati invece ben tre decessi nel giro di poco più di un mese;
– La trasmissione del virus avviene tramite la zanzara del genere Culex, da sempre molto diffusa nel territorio del Delta del Po, ed è particolarmente favorito dal clima subtropicale degli ultimi mesi, specie nelle zone di campagna;
– Il sistema regionale di sorveglianza dell’Emilia-Romagna avrebbe confermato la sussistenza dei presupposti per una condizione endemica nei territori tra Rovigo (in Veneto vi sono stati oltre 50 casi di febbre West Nile fino ai primi giorni di agosto, di cui 19 mediante forme neuroinvasive) e Ferrara, dovuta alla diffusa circolazione del virus;

Considerato che
– Gli animali portatori del virus “killer” sono stati individuati in diverse tipologie di volatili, alcune delle quali molto diffuse nei nostri territori, come corvi e gazze;
– Secondo quanto riferito dal reparto di infettivologia dell’Azienda ospedaliera universitaria di Ferrara, la massiccia presenza di corvi e gazze lungo l’argine del Po dovrebbe suggerire l’introduzione di forti forme di contrasto al fenomeno, come nuove vaccinazioni per l’uomo, ed efficaci piani di controllo per i volatili;

Tutto ciò premesso,

INTERROGA
La Giunta per sapere

– chiede quale sia il giudizio dell’Assessorato competente in ordine al progressivo aumento delle infezioni letali da febbre West Nile, e quali siano le misure di prevenzione e di contrasto che l’Amministrazione regionale, tramite i propri Dipartimenti e settori specifici, intende adottare;
– chiede se sia già allo studio dei settori preposti un piano straordinario di abbattimento dei volatili ritenuti tra i principali portatori del virus, ovvero delle zanzare del genere Culex che ne costituiscono il vettore finale;
– chiede inoltre se l’amministrazione, di fronte a questa nuova emergenza sanitaria, non ritenga necessaria la previsione di nuove forme di profilassi per l’uomo, da condividere con i competenti Dipartimenti sanitari e con l’Istituto superiore di Sanità.

Il Consigliere
(Avv. Michele Facci)

Torna su