Tempi di nuove nomine

Quella a capo dell’ufficio legislativo del Ministero della Giustizia del dottor Vitiello, già componente della commissione Rordorf 2, che si è occupata di

riscrivere la legge fallimentare e gli aspetti relativi alle procedure di allerta consentirà di far ripartire l’iter per la definitiva approvazione dei primi tre decreti legislativi attuativi delle deleghe contenuti nella Legge n. 155/2017 (per l’appunto riforma della legge fallimentare).

di Mario Vacca Parma 18 agosto 2018 – La riforma parte da alcuni fattori molto importanti, come il ciclo di vita dell’impresa che alterna fasi di sviluppo a fasi di declino o crisi ed il fatto che “meglio prevenire che curare”, si identifica una “strategia di controllo” affinché alcuni allert possano far presumere una crisi prima che essa produca i suoi danni. Naturalmente per giungere a ciò occorre radicalizzare un nuovo concetto di gestione se non di imprenditoria con una cultura orientata fortemente alla pianificazione ed al controllo. Solo cosi sarà possibile perseguire obiettivi di lungo periodo incentrati sulla creazione di valore.

Il tutto in ottica della preservazione della continuità aziendale (come richiesto dalla formulazione del nuovo principio contabile OIC 11) e pertanto la creazione del valore economico deve coincidere nel breve come nel medio-lungo periodo, con la sostenibilità finanziaria ovvero la capacità della gestione aziendale di soddisfare tempestivamente e regolarmente gli impegni finanziari inderogabili.
Naturalmente conseguire tali obiettivi non è semplice e non può essere affidato sempre tutto ad indici di bilancio che potrebbero essere sterili o mal interpretati. Soprattutto nelle PMI occorre un cambio culturale che può essere gestito anche attraverso l’adozione di nuove professionalità – continue o temporanee come la nuova figura dei Temporary Manager, che apportano significative esperienze esterne.
L’adozione di un piano aziendale di controllo e gestione, adeguate routine di risk management fondate sulla condivisione delle informazioni tra i diversi ruoli in cui sia identificata la propensione al rischio un’adeguata verifica interna e un più complesso lavoro di programmazione del rating finanziario atteso permetterebbero l’individuazione di anomalie non solo contabili in tempi sicuramente più utili.

Torna su