La Grecia festeggia, ma cosa? La vittoria degli UEmanoidi.

«La politica fiscale è stata più rigida del dovuto», ha ripetuto nel suo rapporto di fine luglio il Fondo monetario Internazionale. Il rientro nei parametri ha comportato un costo sociale altissimo e 500.000 espatriati.

di Lamberto Colla Parma 26 agosto 2018 –

Gli UEmanoidi e i loro compagni di merende del FMI (Fondo Monetario Internazionale), i tecnici, quelli bravi, illuminati e con competenze che tutto sanno, quelli che da qualche decennio contrastano i “politici” perché incapaci di default, escono sconfitti dal test greco.

Dopo 7 anni di lacrime e sangue, imposti dal governo capitanato dalla Troika, la Grecia è ufficialmente uscita dalla crisi economico – finanziaria avendo riportato gli indicatori, che tanto piacciono ai tecnocrati e alle tanto inutili, quanto influenti, agenzie di rating, a posto.

Peccato che il Paese è stato distrutto e la strada per uscire dalla crisi sarà ancora lunga e difficoltosa.

Tutto era noto e prevedibile ma l’arrogante presunzione degli UEmanoidi non voleva sentire ragione sopratutto da parte dei politici.

Tanta era la voglia di sperimentare sulla Grecia la efficacia della cura dei dotti, di quelli che ne sanno di finanza e che “san far di conto”.

E così oggi la Grecia è salva.
Sono salve le Banche Francesi e Tedesche in via prioritaria, il bilancio pubblico è in surplus, l’avanzo primario è abbondante (anche se la Grecia dovrà conservarlo fino al 2060).

Purtroppo però il riequilibrio finanziario non si è trasformato in una ripresa: il pil reale cresce appena, la stessa produttività (pil per ora lavorata) langue ed è ai livelli del ’92. La disoccupazione è al 21%, mentre il rischio di povertà e di esclusione è sempre elevatissima e pari al 35% della popolazione, contro il 23% medio di Eurolandia (30% italiano).

UN COSTO SOCIALE ALTISSIMO
“La disoccupazione, – scrive Riccardo Sorrentino dalle colonne del Sole 24 Ore – che dal 12% del ’99 era scesa al 7,8% nel 2008, è balzata fino al 27,5% nel 2013, mentre le spese per la protezione sociale si sono contratte del 17%. L’economia, in assenza di una svalutazione esterna, ha risposto secondo manuale. L’indice dei prezzi si è leggermente contratto, mentre le retribuzioni (e il costo del lavoro) sono calate del 16% rispetto al 2010 (la flessione è stata del 10% nel solo 2013).”

Alla fine, il valore dei tre bailout della Grecia toccherà i 310 miliardi di euro: un valore più alto dell’intera economia di Hong Kong, più alto del PIL del Portogallo (313 mld di dollari) o di quello danese (330 mld dollari).

Insomma la guida a trazione amministrativa è stato un gran dispendio di energie e l’aver preteso una soluzione esclusivamente tecnica equivale alla pretesa di curare la febbre con il termometro.

Quello greco è stato un bell’esercizio di guida amministrativa di un Paese i cui risultati sono ben poco positivi e, come era da aspettarsi, gli ultimi a essere presi in considerazione sono stati i cittadini e le loro esigenze collettive, quella comunità armoniosa tra liberi cittadini POLIS, che proprio nel Peloponneso prese origine.

A meno che gli Uemanoidi non abbiano confuso il Polish con la Polis.

I Governi tecnici, in Italia ne abbiamo avuti diversi in ogni fase, sin dalla prima Repubblica, non sono mai riusciti a portare risultati positivi.

Ecco perché sono dell’idea che sia sempre meglio un politico mediocre piuttosto che un buon tecnico alla giuda una nazione.

(per restare sempre informati sugli editoriali)

Torna su