La grande scissione, ma alla fine verremo narcotizzati.

Cittadini e poteri sono sempre più distanti. La nenia che 24 ore al giorno sentiamo da ogni canale e giornale, finirà per narcotizzarci tutti

di Lamberto Colla Parma 02 settembre 2018 –

Ormai la frittata è fatta. La scissione tra la stragrande maggioranza dei cittadini e quella minoranza politica sostenuta dal 99,99% dei giornali e delle televisioni ha raggiunto il suo culmine.

La donna e l’uomo della strada, i semplici onesti (ce ne sono ancora tanti, troppi per quel che si merita questo Paese) “tifa” Salvini e la sua politica della sicurezza e dell’immigrazione in contrapposizione al tamburellante e incessante attacco al Ministro dell’Interno apoastrofato con infamanti aggettivi quali “razzista”, “xenofobo” e “fascista”. Alla pari di tutti i suoi predecessori di centro destra che vinsero alle urne, o meglio di “non sinistra”, da Craxi, a Cossiga per arrivare a Berlusconi tutti sono stati accusati di tali nefandezze. La maggioranza degli italiani era con loro ma alle sinistre questo non importava, “erano solo pochi e malati da rinchiudere”.

Giornali,TG, e la miriade di talk show d’intrattenimento politico, ormai presenti a ogni ora alla pari degli Chef,  rincorrono sempre le solite notizie e cantano il medesimo refrein contro Salvini e contro Di Maio e talvolta aggiungono qualche commento sull’”inutilità” del premier Conte.

E’ palese il distacco dal sentimento comune e non ci vengano a dire che è una sola e esclusiva sensazione personale. Basta parlare con la gente di tutte le età, frequentare i bar e i locali pubblici per rendersene conto.

Invece, per tutta risposta al sentimento dominante, anche i  magistrati, giusto per attizzare un fuoco già troppo invasivo entrano a gamba tesa nel dibattito politico, arrivando persino a indagare il Ministro dell’Interno per sequestro di persona (e altri tre o quattro capi d’imputazione tra i quali “Ricatto all’Unione Europea”) dopo avere fatto anch’essi la loro bella passerella sulla nave “Diciotti”.

La “Diciotti” nei giorni scorsi sembrava la “Mecca” della politica italiana. Un via vai di politici impressionante a assicurarsi dello stato di salute degli eritrei tratti in salvo dalla nave militare italiana, in contrasto con le presenze ai funerali delle vittime del ponte di Genova, anche perché i pochi che si presentarono alle esequie furono sonoramente fischiati o addirittura completamente ignorati dai genovesi raccolti a pregare e dare l’ultimo saluto terreno alle 43 vittime del crollo del Ponte Morandi.

Una tragedia che, al contrario dei migranti,  ancora non vede alcun indagato.

Una posizione giusta,  prudente e condivisibile quella dei magistrati di Genova, ma che contrasta pesantemente con quanto intrapreso dalla magistratura di Agrigento verso una alta carica dello Stato, quella peraltro  preposta alla sicurezza, e che automaticamente fa pensare a una iper protezione verso i “Benetton”, dimenticando che la presunzione di innocenza è un caposaldo della nostra giustizia, troppo spesso dimenticata, come il diritto alla riservatezze e all’oblio.

Troppo grande è il distacco tra popolo e potere.

La nenia che 24 ore al giorno sentiamo da ogni canale e giornale, finirà per narcotizzarci tutti.

Macron avrà la meglio e il popolo italiano tonerà sotto la dominazione estera di quell’europa che non è minimamente parente con quella che ci avevano promesso sarebbe stata.

E’ qui il punto.

Non si tratta di essere sovranisti,, più semplicemente si tratta di non riconoscere l’europa attuale e la strada che gli UEmanoidi vogliono percorrere.

La Grecia dovrebbe aver insegnato qualcosa!

Invece tutto l’Establishment è compatto ai piedi dell’Europa e in favore degli sbarchi, senza curarsi delle conseguenze.

Le conclusioni le lascio al profetico Marcello Veneziani: “Per questo so come andrà a finire. Il consenso a Salvini prima o poi si sgonfierà, quando vedranno che non potrà dare i frutti sperati, che il loro Tribuno sarà isolato, le sue decisioni saranno sistematicamente smantellate dai Palazzi. Allora gli italiani si adatteranno, come sempre hanno fatto, abbozzeranno perché non vogliono mica imbarcarsi in una guerra civile. Si rifugeranno nelle tv e negli smartphone. E quello stanno aspettando gli sciacalli e le iene variamente disseminati nei media, nei tribunali, nei palazzi di potere.”

(Nella foto: generazioni lontane tutte vicine a Salvini – Parma 2016)

 

(per restare sempre informati sugli editoriali)

Torna su