Crisi Ferrarini, qualcosa si muove. Forse.

Crisi Ferrarini, diverse imprese di Parma e Cremona avrebbero manifestato interesse per alcuni asset del gruppo e i Commissari vorrebbero accelerare i tempi. Il tempo stringe e la pazienza, dei dipendenti, langue.

Di LGC – Parma 4 settembre 2018 – Da indiscrezioni riportate da Reggio Report, lo scorso 1° settembre, i Commissari Giudiziali  Bruno Bartoli e Franco Cadoppi, rispettivamente del gruppo alimentare Ferrarini e di Vismara, avrebbero intenzione di accelerare i tempi per il piano industriale e lo scorporo di rami d’azienda destinati ad essere venduti per alleggerire la situazione debitoria del gruppo alimentare Ferrarini di Reggio-Rivaltella, leader nazionale del prosciutto cotto (debito olte gli 280 milioni di euro) e soddisfare gradualmente i creditori.”

“Tenete duro” era stato infatti invocato dal Commissario Giudiziale Bartoli, presente il 20 agosto scorso a Langhirano in occasione del “Tavolo della Politica locale” convocato proprio per discutere della Cisi Ferrarini, e oggi sembra che qualcosa in effetti si muova.

“Sarebbe imminente l’arrivo di una importante società di consulenza tedesca, – prosegue Reggio Report –  con filiale a Milano, per la stesura dei business plan da presentare al giudice delegato Stanziani Maserati entro 120 giorni (dal 27 luglio scorso, più il periodo feriale del tribunale).”

150 giorni complessivi quindi sono quelli a disposizione per predisporre le proposte di piano che sostanzialmente dovrebbero mantenere in capo al gruppo Ferrarini la sola attività storica del prosciutto mentre “Negroni Spa“, secondo la GDO News, avrebbe messo gli occhi su “Vismara“, mentre “Per la produzione di prosciutto crudo, di cui si sta occupando direttamente Lucio Ferrarini, sarebbero in corsa tre possibili acquirenti: Ugo Annoni Spa, industria alimentare di Collecchio, la Cav. Umberto Boschi di Felino e Casale Spa.”

C’è da augurarsi che ben presto si possa vedere la luce in fondo al tunnel. La situazione di crisi sta esasperando i dipendenti i quali, nella riunione del 20 agosto scorso, avevano già dimostrato, oltre alla plausibile apprensione, la rabbia per i comportamenti dell’azienda ma che nonostante tutto stanno, come invitati dal commissario, “tenendo duro” ben oltre il lecito.

Pare infatti che alcuni dipendenti si portino da casa i guanti di lattice, la carta igienica e addirittura la corda per legare i salumi.

Ora tocca alla proprietà e ai Commissari “premiare” i loro tenaci e fedeli dipendenti.

(Nel Video il Commento del Sindaco di Lesignano, Giorgio Cavatorta,  a seguito dell’incontro a Langhirano del Tavolo della Politica Locale in merito alla Crisi Ferrarini)

https://youtu.be/8Dyy5NLXjPE

(nelle foto alcune immagini della riunione del 20 agosto 2018 a Langhirano – una dipendente parla con il Commissario Giudiziale e uno scorcio sul pubblico. In copertina il Tavolo della politica locale)

Immagini da Nicola Comparato

 

 

Torna su