Opposizione responsabile o ostruzionismo? Tutti contro.

Sono trascorsi 100 giorni ma per l’opposizione è come se il Governo fosse in carica da almeno un biennio. 

Ogni pensiero è accolto con contrastato e violenza. Dall’Europa sono gli autorevoli Macron e Oettinger a scagliarsi contro l’Italia e le sue istituzioni.

di Lamberto Colla Parma 09 settembre 2018 –

E’ un sogno che non riusciremo mai a vedere realizzato quello di un Governo sostenuto dalla maggioranza parlamentare almeno per le questioni più urgenti e le emergenze.

Quindi mettiamoci pure il cuore in pace che anche questo Governo verrà alienato per spossatezza.

A sentire le opposizioni questo esecutivo non avrebbe fatto nulla e contestualmente messo in crisi l’Italia, sia in termini di occupazione sia in termini economici, assegnandogli la responsabilità dell’innalzamento dello spread. La proverbiale ironia di Renzi ha colpito il premier Conte nel commentare la sua assenza al primo consiglio dei ministri perché doveva preparare l’esame di inglese per lunedi” (parla proprio lui che con l’inglese ha fatto ridere l’Europa).

E, guarda caso, a sostegno degli attacchi dei rappresentanti delle sinistre, tornano  farsi sentire, dopo una assenza dal palcoscenico mediatico dai tempi di Berlusconi, le agenzie di rating che cominciano a soffiare sul fuoco in tono minaccioso.

Dall’Europa invece, la portinaia del Condominio Europa, dopo la scoppola elettorale tace. Forse perché troppo impegnata a acquistare, a prezzi stracciati, porti e isole greche,  ma il suo pensiero è lasciato al delicato Oettinger, perdipiù Commissario europeo per il bilancio e le risorse umane e, ovviamente, esponente del CDU della Merkel, dal quale escono frequentemente parole al vetriolo. Da “Il mercato insegnerà agli italiani a votare” al recentissimo “Il governo italiano vuole distruggere l’Europa”, dichiarazione che arriva proprio mentre il governo gialloverde inizia a imbastire il discorso sulla prossima manovra economica.

Per fortuna queste perle di saggezza non sono a esclusivo indirizzo del nostro Governo; memorabile il filotto di gaffe, che in un colpo solo infilzarono il Governo britannico e Trump, quando si lasciò sfuggire commenti sulla premier Theresa May e il suo ministro degli Esteri, Boris Johnson etichettando “debole” la prima e “uno che ha la stessa pettinatura di Trump” il secondo. Per non parlare della tremenda caduta di stile di due anni fa quando definì una delegazione cinese in visita a Bruxelles come “quelli con gli occhi a mandorla e con i capelli pettinati con il lucido da scarpe”.

Il Signor Gunther H. Oettinger è senz’altro un ottimo diplomatico e un perfetto rappresentante di questa Europa che dovrebbe essere forzatamente apprezzata da tutti, seppure così lontana e diversa da quella che ci venne prospettata dai padri fondatori e “falsamente” confermata dai fondatori dell’Euro Zona.

L’altra voce autorevole, sempre pronta a spargere veleno, è l’enfant prodige di Francia.

L’ultimo suo successo è  del 15 luglio scorso quando la nazionale dei galletti sollevò al cielo la Coppa mondiale di calcio.

Per il resto, oltre a mantenere acceso il fuoco libico, per finire il compito avviato da Sarkozy di sostituite Total all’ENI, è riuscito nell’impossibile risultato di risultare ancora meno gradito del suo predecessore Hollande precipitando nei consensi al 31%.

E noi dovremmo dare ascolto alle ostilità del PD di Martina e Renzi, ormai prossimo all’esaurimento, a un alto rappresentante delle istituzioni europee incapace di pensare prima di aprire il forno, o al lider minimo francese sempre più autorefenziale e isolato?

Tutti soggetti al minimo di gradimento che sentenziano e insultano sostenuti, paradossalmente, da tutta la stampa perfettamente coesa.

La maggioranza assoluta degli italiani, stando ai sondaggi,  sta con Conte (55%,) Di Maio e Salvini (circa 60% le due forze politiche), mentre stampa, pseudo intellettuali e opinion leader nazionali e europei tutti infelicemente concordi in una strenua opposizione ostruzionistica.

Certo non va meglio a Trump, che dalla sua avrebbe addirittura un’economia che sta volando, al quale opinionisti e stampa sono totalmente e ostinatamente contro. L’ultima viene dal New York Times che, prima volta nella sua storia, pubblica una lettera anonima redatta da una fantomatica talpa alla casa Bianca che dichiara di fare “resistenza” interna al Presidente.

Anche Trump, nonostante i tanti indignati, vola nei consensi. Il 90% degli elettori di centrodestra è con il presidente, lo stesso sostegno che ebbe Bush dopo l’11 settembre.

In conclusione è innegabile che è sempre più marcata la distanza tra poteri e popolo. Un differenziale talmente alto che potrebbe risultare molto instabile e determinare conseguenze spiacevoli.

O forse no. Il “grande fratello Vip, narcotizzerà tutti. E’ una delle più  efficaci armi di “distrazione di massa”

 

 

(per restare sempre informati sugli editoriali)

(Video Junker al Vertice NATO 12 luglio 2018 – sembra aubriaco ?)https://youtu.be/oecvYFq_wi0  )

Daily Mail Pubblicato il 12 lug 2018 –

The European Commission President was attending a dinner at the NATO summit in Brussels attended by US President Donald Trump and a number of other world leaders. Juncker was stumbling and swaying to the extent that the presidents of Finland and Ukraine, among others, had to help keep the 63-year-old upright. Dutch Prime Minister Mark Rutte also stepped in to guide Juncker.

Torna su