Ci mancava solo l’intervento dell’ONU.

Sarebbe una barzelletta se non fosse che ci sono connazionali, che hanno avuto o hanno ancora incarichi di Governo,  che assecondano lo stupidario  internazionale. Dalla Bachelet a Moscovici, per citare solo gli ultimi due, ma la cronaca è quotidiana, forse oraria.

di Lamberto Colla Parma 16 settembre 2018 –

Quella dell’ispezione dell’ONU avrebbe benissimo potuto scaturire dalla fantasia di Lercio.it mentre invece è la reale pensata di Michelle Bachelet, l’Alto Commissario per i Diritti dell’Uomo dell’ONU, che ha annunciato l’intenzione di spedire in Italia un team delle Nazioni Unite in relazione all’incremento di “razzismo” e “violenza”.

Non mi importa che Michelle Bachelet sia comunista e amica dei dittatori , che ci sia una sfilza di anomalie che avvolgono la figura dell’alto commissario dell’ONU per i diritti civili, come evidenziato dalla ONG Un Watch, che ha il compito di monitorare quello che accade all’interno del Palazzo di Vetro e che ha espresso numerosi dubbi sulla poca trasparenza e sulla velocità che hanno accompagnato l’elezione della Bachelet.

Mi interessa capire come le sia venuto in mente di fare una uscita così ridicola e offensiva per tutto il popolo italiano, quello che ha pagato il salvataggio di quasi un milione di persone che tentavano l’attraversamento del mediterraneo, quegli italiani che si sono sobbarcati i costi economici e, ahimè anche sociali, dei profughi economici o in fuga da guerre.

Mi interessa capire se qualcuno dei “rosiconi” di sinistra sia stato il suggeritore di una tale assurda presa di posizione di un organismo che, a mio parere,  avrebbe molti altri territori da verificare con molta maggiore urgenza.

Non rammento che la Bachelet fosse intervenuta quando, sotto il comando della coppia nera Barack e Michelle Obama, gli USA erano quotidianamente sulle prime pagine di tutti i giornali per la morte di uomini e donne di colore da parte della polizia.

Zitti, tutti zitti, nemmeno uno che avesse messo in dubbio il Nobel per la Pace di cui venne onorato il primo inquilino afroamericano della casa Bianca, come invece al contrario, già in tanti stanno chiedendo per la povera Aung San Suu Kyi, messa all’angolo dalla potente lobby dei militari Myanmar (ex Birmania).

No su Obama non si può. Bello, di colore e di sinistra, unica pecca, forse, l’eterosessualità.

Però una prima gallina che ha cantato dopo aver fatto l’uovo c’è stata. “È una decisione credibile”, ha dichiarato  l’ex ministro per l’Integrazione e ora europarlamentare Pd Cécile Kyenge, “Visto quanto successo negli ultimi tempi, soprattutto da quando si è insediato questo governo, penso che ci siano tutti i motivi per allarmarsi. È chiaro che la percezione che hanno in Italia le persone che i migranti siano tanti e siano il pericolo è aumentata rispetto al passato”.

Inquieta invece il silenzio della Laura Boldrini, stranamente distratta e non pronta a cogliere l’occasione offerta dall’assist della Bachelet. Che sia ancora in preda a convulsioni per il troppo ridere per l’accusa al governo populista e razzista  che “non si aspettava”? Qui gatta ci cova!

In attesa dell’“Isola dei Famosi” o del “Grande Fratello Vip, le più efficaci armi di “distrazione di massa” che ci narcotizzeranno per un bel po’, sollazziamoci con lo stupidario quotidiano, questa volta recitato dal Commissario UE e ex ministro delle finanze francese ai tempi di Hollande, Pierre Moscovici, che ha avuto la delicatezza di sostenere che l’Italia è un problema per l’Europa e che ci sono tanti piccoli Mussolini.

Un altro che non conta niente in casa sua (il suo partito è praticamente sparito, sotto al 7%) e invece ha il coraggio di vomitare merda sull’Italia. Il cervello, questo sconosciuto, dove glielo avranno nascosto da piccino?

 

(per restare sempre informati sugli editoriali)

Torna su