L’ipotesi del condono Iva collegato alla Pace Fiscale

Entro metà Ottobre il governo dovrebbe approvare la legge di bilancio contenente il decreto fiscale e quindi si avrà definizione del provvedimento detto Pace Fiscale.

Di Mario Vacca Parma 6 ottobre 2018 – Al momento parrebbe che il provvedimento sia esteso anche ai debiti IVA; parrebbe solo un’ipotesi della quale si è però parlato nel corso del quarto Meeting sulle professioni che ha riunito a Roma il 2 ottobre i tributaristi italiani tra i quali i massimi esperti del settore.

Gianfranco Ferranti, ordinario alla Scuola nazionale dell’amministrazione, fornisce alcuni dettagli, ed esprime che si pensa di ammettere alla pace fiscale i debiti IVA con un’aliquota al 30%. In pratica, si studierebbe la possibilità di sanare le cartelle esattoriali relativa all’IVA ma con uno sconto ridotto rispetto a quello previsto per l’IRPEF.

Le dichiarazioni ufficiali degli esponenti dell’esecutivo non hanno finora ricompreso l’IVA nella pace fiscale, anche perché condonare l’imposta sul valore aggiunto rischierebbe di essere incompatibile con il diritto comunitario. L’ipotesi è che il meccanismo allo studio del Governo consenta di aggirare questo ostacolo, ma al momento non sono chiari i dettagli.
La cosi detta pace fiscale riguarderà sicuramente i debiti fiscali (di persone fisiche e imprese) ed è allo studio l’aggregazione delle infrazioni al codice della strada e dei tributi comunali come la TARI e i contributi previdenziali.

A differenza delle precedenti rottamazioni che hanno previsto uno sconto sulle sanzioni ma non sulla somma originariamente dovuta, l’imminente provvedimento godrà di uno sconto anche sull’imposta iniziale (mini-sanatoria).

Torna su