Donald Trump e i risultati che non ti aspetti

A grandi passi verso le elezioni di mezzo termine e, magicamente, i risultati di Donald Trump emergono quasi con violenza.  Intanto il 92% dei media sono contro il Presidente degli USA.

di Lamberto Colla Parma 14 ottobre 2018 –

Non passa giorno che il Presidente degli Stati Uniti venga attaccato da qualche funzionario interno alla Casa Bianca, piuttosto che ex collaboratore o che una qualche notizia di natura scandalistica colpisca lui o qualcuno del suo staff.

L’ultimo in ordine di tempo è  l’accusa di stupro, uscita dal cappello a cilindro di una ex compagna di liceo, Christine Blasey Ford, del candidato repubblicano a Giudice della Corte Suprema americana Brett Kavanaugh. Kavanaugh avrebbe tentato di violentarla nel 1982 a una festa, quando lei aveva 15 anni e lui 17.

La moda Me Too, memoria di stupro ritardata di un ventennio, ha colpito anche Washington, ma in questo caso il giudice ha ottenuto l’incarico proprio grazie al voto favorevole di una donna che, in parte, ha riabilitato l’accusato.

Non si vuole entrare nel merito della vicenda e da quale parte sia la verità ma indubbiamente stupisce che certi crimini violenti e diretti alla persona a alla sua anima, non vengano denunciati nell’immediatezza. per di più in questo caso la ragazza non era nemmeno condizionata dallo spessore politico o economico del suo aguzzino.

Mentre la stampa e la televisione statunitense è quasi totalmente contro (92%) il Presidente, cominciano a emergere  i risultati che non t’aspetti.

L’arrogante, antipatico, presuntuoso e decisionista Donald Trump sta raccogliendo successi talmente evidenti che non possono essere attribuiti al caso o a fattori congiunturali.

Abbiamo infatti tutti temuto che l’oriente tornasse a vivere l’ennesima guerra, nucleare per di più. Missili che dalla Corea del Nord partivano per intimorire il Giappone e gli USA, la maestosa flotta navale nord americana che salpava facendo rotta  verso Pacifico orientale e sotto terra i test nucleari coreani continuavano  scandendo i twitter del “socialpatico” Trump.

Proprio mentre quando la tensione era arrivata al punto di rottura ecco uscire il sereno. L’incontro tra i due leader finalmente avviene e oggi i due sono diventati amiconi al punto che il terribile Kim ha addirittura invitato il Papa a fargli visita. Un risultato che non può essere assegnato a nessun altro se non all’istrionico Donald Trump.

L’economia USA sta volando e la promessa  “prima gli americani” è stata mantenuta. I salari sono in crescita (+2,9% annuo) ma quel che più di ogni altro stupisce è il risultato della piena occupazione.

E’ dei giorni scorsi che la disoccupazione ha toccato il punto più basso dagli ultimi decenni (3,5%). 

Infine, il conflitto commerciale con Canada e Messico si è finalmente risolto a fine settembre con la sottoscrizione del trattato USMCA che va a sostituire l’obsoleto NAFTA.

Insomma, al di là del modo espressivo, Donald Trump sta macinando successi e soprattutto dimostra che si può essere coerenti con le promesse elettorali, tenendo ben saldo il timone nella direzione impostata, anche in piena tempesta.

L’ultimo fronte aperto è con la Cina, ma c’è da crederci, riuscirà a trovare una ottima soluzione condivisa con il suo omologo cinese.

Visti gli evidenti risultati palesemente positivi, non sarebbe meglio studiare il caso “diplomatico” invece di criticarlo e insultarlo?

Chissà che la nostra storia economica un giorno registri una condizione come quella americana. Che l’economia prenda il volo, che la disoccupazione arretri a livelli minimi e i salari crescano.

Sarebbe una gran bella iniezione di fiducia!

(per restare sempre informati sugli editoriali)

Torna su