Tagliaferri (FDI) euro 4 a casa? – No, a casa l’Assessore

A corollario della polemica innescata dalla decisione della Giunta – in prima battuta – di vietare la circolazione alle vetture diesel Euro 4 dal primo ottobre 2018, decisione poi clamorosamente rientrata sulle posizioni e istanze avanzate in primis da Fratelli d’Italia,

il Capogruppo Giancarlo Tagliaferri ha chiesto le dimissioni dell’assessore Paola Gazzolo ed ha annunciato la mozione di censura, ai sensi dell’articolo 111, comma 1, del regolamento assembleare, firmata da tutto il centrodestra.

Nel merito il consigliere ha dichiarato: «La sinistra non perde il vizio di rappresentare in aula quel solito teatrino per cui tutti i meriti nelle scelte non possono che essere attribuiti a sé stessi. Anche quando personalmente li avevo anticipati, con il buon senso forse di chi è più abituato ad ascoltare i cittadini, nell’adottare le soluzioni migliori per la collettività, il diktat di partito della sinistra resta quello per cui non bisogna mai riconoscere i meriti altrui. Nemmeno la matematica nella datazione dell’emendamento da me presentato (8 ottobre) o dell’interrogazione (28 settembre) che, prevedeva il rinvio al primo ottobre 2020 nelle limitazioni ai diesel euro 4, in linea con quanto deciso dalle altre regioni del bacino padano è stata in grado di smuovere quel minimo pudore che dovrebbe avere chi si occupa di politica nel riconoscere i propri errori. Data la gravità della richiesta di censura e il fatto che il presidente Bonaccini non abbia avuto nemmeno il buon gusto di partecipare al dibattito nella situazione di, evidente, difficoltà del suo assessore, auspico, ora una sua assunzione di responsabilità se pur tardiva».

Torna su