I moderni iracondi, socialpatici e radical chic

L’arte del giudicare è ormai in mano agli “hater”. Nascosti dietro a pseudonimi lanciano giudizi morali e mai oppongono idee e proposte alternative concrete. 

di Lamberto Colla Parma 21 ottobre 2018 –

Se l’hater è anche radical chic allora la prerogativa è quella di alzare il fumo di frasi auliche e spesso incomprensibili alla massa (fa molto figo) che però ha senz’altro ben compreso e ovviamente apprezzato l’insulto che precede o segue il “tocco di classe”.

Il critico radical chic più borioso si sceglie lo  pseudonimo (Nick Name per i patiti del web) coerente e in linea con la propria attività e psicologia, ad esempio “Filippo Argenti”, l’iracondo vicino di casa di Dante Alighieri, che amava andare a cavallo con le gambe ben allargate in modo da colpire in faccia i passanti. Filippo Cavicciuli, soprannominato “Argenti” o “Argente” a causa del vezzo borioso di ferrare il cavallo con ferratura d’argento, veniva descritto come “uomo grande e nerboruto, e (…) iracundo e bizzarro più che altro, e dotato di pugna (…) che parevan di ferro”.

Così ben attrezzato di contributi culturali, dall’alto della sua posizione e ben schermato dall’anonimo ma “dotto” Nick Name, il socialpatico critico dell’era moderna è pronto a scorrazzare nel web alla ricerca delle proprie vittime e del consenso, cercando di raccogliere più medaglie possibili (qualche distratto like non può non arrivare) e l’eroe moderno finalmente può dormire sonni tranquilli.

Nel linguaggio comune ormai la parola “critica” ha perduto di valore e è cosa ufficializzata anche dalla autorevolissima enciclopedia Treccani:

crìtica s. f. [dal gr. κριτική (τέχνη) «arte del giudicare», femm. sostantivato dell’agg. κριτικός: v. critico1]. – 1. a. Facoltà intellettuale che rende capaci di esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono, ecc.: avere capacità di critica. In filosofia, parte della logica che si occupa del giudizio.. … 4. Nel linguaggio corrente, giudizio sfavorevole, di natura soprattutto morale, censura, biasimo dei difetti, veri o presunti, delle azioni, delle parole, dei comportamenti altrui, oppure di fatti e situazioni (in questo sign. è frequente anche il plur.): fare, muovere delle c. a qualcuno; esporsi alla c., offrire il fianco alle c.; tirarsi addosso molte c.; essere oggetto di critica o di critiche; ricevere delle c.; non curarsi delle c.; c. severa, maligna, dispettosa, pettegola.

Da “arte del giudicare” a “giudizio sfavorevole di natura morale”, questo purtroppo è il passaggio evolutivo, comunque in perfetta sintonia con la teoria della “decrescita (in)felice”, della critica.

Anche noi non siamo passati indenni, e ne siamo lusingati, dalle feroci fauci dei critici radical chic. Preso di mira è stato il mio ultimo editoriale “I risultati che non ti aspetti” .

Il Signor Filippo Argenti si è così espresso:

Filippo Argenti Che gran porcata di articolo, scritto da qualcuno che fa cherry picking e che probabilmente non è mai stato in USA

Il caso ha voluto che il nostro critico portasse il medesimo nome dell’iracondo e dispettoso vicino di casa di Dante. Dalla sua torre d’avorio fa cadere, in pochissime righe, ben tre osservazioni a dimostrazione delle sue abilità e esperienze:

1.”Gran Porcata”: ben definisce il giudizio critico. Le masse lo comprendono e facilmente lo condivideranno

  1. Cherry Picking: le masse non lo comprenderanno ma garantirà loro che il giudizio di cui sopra viene da un “intellettuale”, quindi autorevole.
  2. …mai stato in USA”. Si suppone invece che Filippo Argenti abbia vissuto a lungo negli Stati Uniti (utilizza termini inglesi!) e lì abbia esercitato professioni e vissuto nelle aree più degradate (che ovviamente non sono New York, Los Angeles e la Capitale)

Peccato però che manchino i contenuti tipici della critica. Attendiamo quindi, dal Signor Filippo Argenti,  una analisi e un corposo scritto (i Cherry Picking da lui raccolti in opposizione ai miei)  che pubblicheremo molto volentieri al netto di eventuali parolacce e/o insulti.

(Copertina: Gli iracondi assaltano la barca di Dante, dipinto di Eugène Delacroix)

 

(per restare sempre informati sugli editoriali)

Torna su