Piogge in arrivo, la bonifica svuota i 1500 km di canali della rete nel parmense

Grandi manovre di svaso dell’intero reticolo del Consorzio della Bonifica Parmense: conclusa la fase dell’irrigazione i canali accoglieranno le precipitazioni stagionali. Particolare attenzione nelle operazioni alla fauna ittica e all’ambiente

Parma, 22 Ottobre 2018  – Sono due le manovre che interessano i canali di bonifica ogni anno: l’invaso a primavera e lo svaso in autunno, che si traducono nel “riempire e svuotare i canali dall’acqua presente”. Operazione tutt’altro che banale quando il reticolo idrografico misura oltre 1.500 chilometri e le pendenze del territorio sono quasi nulle.

Svaso e invaso sono i due momenti fondamentali dell’anno per la bonifica – afferma il Direttore del Consorzio della Bonifica Parmense ing. Fabrizio Useriperché seguono il ritmo naturale delle stagioni delle nostre terre. La gradualità è d’obbligo per la conformazione del nostro territorio, ma anche per preservare gli ecosistemi, in modo particolare per favorire il trasferimento della fauna ittica nelle zone con presenza di acqua (come previsto dalle convenzioni siglate con l’Associazione Pesca). Dal punto di vista sanitario per esempio i pesci risultano assai rilevanti per il controllo biologico delle zanzare”.

La natura promiscua dei canali di bonifica impone lo svaso e il reinvaso ogni anno; la loro funzione è duplice: irrigare le campagne in primavera/estate e scolare le acque di pioggia e neve in autunno/inverno. Viviamo in una zona ad alto rischio idraulico, senza quest’attività le abitazioni sarebbero a rischio allagamento. E considerato il grado di impermeabilizzazione del suolo raggiunto negli ultimi anni – a causa degli alti tassi di urbanizzazione – l’acqua scorre rapidamente verso la Bassa. Occorre manutenere i canali sfalciati dalla vegetazione infestante per ridurre così al minimo il rischio di fuoriuscite di risorsa idrica mediante il pompaggio con le idrovore. In questo modo le acque, sfruttando la minima gravità e tramite le manovre delle decine di paratoie posizionate lungo i canali, vengono fatte defluire nei fiumi.

A proposito di stagione irrigua e ruolo del Consorzio di Bonifica negli equilibri economico-ambientali il Presidente Luigi Spinazzi ha commentato: “La stagione inizialmente piovosa in Giugno non lasciava pensare ad un prosieguo all’insegna dello stress idrico, ma nell’ultimo mese soprattutto la siccità ha colpito duramente. La nostra attività ha quindi messo in sicurezza i prodotti delle nostre terre che non sarebbero in grado di sopportare una carenza idrica così prolungata. Inoltre vorrei rimarcare come i nostri canali apportino anche un positivo beneficio ambientale per il territorio; per tale motivo le concessioni irrigue attualmente in vigore credo vadano integrate per garantire questa importante funzione nell’arco di tutto l’anno. Tutto ciò mantenendo comunque prioritaria la sicurezza idraulica”.

Torna su