Nobili SpA – All’avanguardia nella tecnologia e nell’organizzazione.

Molinella (BO) 23 ottobre 2018 – Il successo non viene, quasi mai, per caso. Un’equazione che calza alla perfezione alla NOBILI SpA di Molinella, che sin dalla sua fondazione ha avuto la “fortuna”

di incappare in capitani d’azienda geniali e lungimiranti. Un’evoluzione continua senza soluzioni di continuità che hanno permesso di superare, senza scossoni anzi mantenendo un positivo trend di crescita, i diversi momenti di crisi intercettati dal 1945 a oggi.

Efrem Nobili, il fondatore, istrionico e geniale figlio di agricoltori locali, è stato capace di fondare ben due realtà industriali, fisicamente l’una a fianco all’altra, distanti nel core business ma affiancate nell’innovazione.

Da buon visionario e appassionato di meccanica e di aeromodellismo, Efrem dopo avere applicato motori a aria compressa agli aeromodellini, inventato una “Gelatiera Automatica“, diede vita all’avventura industriale iniziando a produrre “Tacchi” da scarpa in legno, poi sughero, quindi metallo leggero e la sua ITE (Industria Tacchi Emilia), ricca delle attrezzature meccaniche d’avanguardia, da lui stesso pensate e realizzate, giunse a dare lavoro a oltre 150 dipendenti.

Come anticipato, Nobili non si è fermato ai tacchi e arrivò così a fondare la Officine Nobili Efrem e iniziò la produzione delle prime pompe a membrana e in seguito il primo atomizzatore a cisterna  in legno, idee pensate e sviluppate con l’obiettivo di agevolare il lavoro dei propri genitori contadini.

Un anno prima del decesso di Efrem, avvenuto nel 1963, in azienda entrò un giovane e talentuoso tecnico, un certo Mario Rossi, che analogamente a Efrem era dotato di genialità e intraprendenza. Così, quando la famiglia Nobili decise, nel 1968, di cedere l’azienda ecco lo spirito imprenditoriale e pragmatico di Mario Rossi emergere. Riuscì a convincere un paio di fidati e storici fornitori a entrare in società per fondare  la Nobili SpA nella cui compagine sociale, ancora oggi, sono le famiglie Rossi e Sabattini. 

Dal 1969 quindi venne a cambiare il “manico” ma non la genialità e l’orientamento a stupire, in qualità e innovazione, mettendo nel proprio carnet ben oltre 20 Brevetti, frutto del pensiero e  del lavoro di Mario, e la conquista dell’estero. “E’ più semplice elencare dove non siamo”  come ama dire Mario Rossi“, modestamente ma orgoglioso della sua azienda, che ora conduce con i due figli, Giancarlo e Guido, e un nipote, Giacomo,  giovane di laurea in ingegneria e quasi pronto a saltare sul carro. 

“La nostra filosofia – commenta Mario Rossi – è di andare in loco a intercettare le problematiche di quella specifica area del mondo e pensare a come risolverle”. Infatti, ha continuato a narrare il deus ex machina di “Nobili”, durante le dimostrazioni in Jugoslavia della trinciatrice dei residui dalle potature (Brevetto del 1966), venne richiesto di verificare la possibilità di applicazione del loro brevetto agli stocchi di mais. E, visto che ogni problema ha una soluzione,  a seguito di quella soluzione, il Paese di Tito divenne il primo di un lungo elenco di Stati conquistati dalle macchine di “Nobili spa”. Dal Sud America, al Sud Africa, dalla Russia all’Australia per giungere infine a conquistare anche una larga fetta della Cina, la vendita è quasi sempre stata seguita dalla proposta di soluzione di un problema specifico.

L’attenzione alle esigenze della clientela si è dimostrato un fattore vincente e un modello eccezionale di propensione allo sviluppo.  Ma tutto parte da Molinella. E’ lì, nella campagna bolognese che nasce, progredisce e si consolida il modello industriale di Nobili SpA. 

A passeggio all’interno dello stabilimento salta all’occhio un ordine e una pulizia che in una azienda metalmeccanica non ti aspetteresti. Le linee di produzione sono combinate a aree, all’interno delle quali il componente viene assemblato in perfetta applicazione dei dettami del progetto Lean Production (una filosofia industriale ispirata al Toyota Production System, che mira a minimizzare gli sprechi fino ad annullarli) arricchita di specifici accordi sindacali attraverso i quali gli addetti alla produzione hanno la possibilità di interscambiarsi nelle diverse aree produttive e adattarsi a una flessibilità oraria che segue i cicli stagionali, tutto in favore dei diversi picchi produttivi.

Come è nella tradizione della Nobili, sin dal suo fondatore Efrem, le macchine operatrici, dalle più semplici alle più complesse sono state arricchite da personalizzazioni originali in grado di massimizzare l’efficienza e  elevare la qualità a livelli eccelsi. Magazzini verticali automatizzati per la distribuzione dei manuali operativi (in tutte le lingue del mondo) fanno bella mostra al centro dei padiglioni così come altri, che apparentemente appaiono destinati alla medesima funzione, asserviscono all’assemblaggio proponendo all’operatore, in modo totalmente automatico e nella corretta sequenza, i diversi componenti destinati al montaggio delle macchine. 

Intanto, l’ufficio tecnico, con vista sui reparti di produzione, continua a sfornare soluzioni sempre più avanzate, oggi anche con l’ausilio delle stampanti tridimensionali (3D Printing).

Insomma, tutto sembra funzionare  in armonia con le nuove frontiere indicate da “Industria 4.0″.

Che le cose procedono bene ci si accorge mentre incroci il personale e la cordialità con cui rispondono , in tono addirittura affettuoso,   al signor Mario che ci accompagna in visita per l’azienda. Segnali che fanno riflettere sulla organizzazione d’impresa  votata alla collaborazione condivisa  che si è permeata in ogni settore aziendale.  Tant’è che, se il cliente è il punto di riferimento della Nobili spa, i collaboratori sono il fulcro dello sviluppo costante e progressivo che ha portato a sfornare 5.000 attrezzature all’anno, tra trince, irroratori e elevatori, e un fatturato in costante salita che oggi ha superato la soglia dei 25 milioni di euro.

Non è un caso, infatti, che l’azienda di Molinella sia stata una delle prime imprese a introdurre, oltre vent’anni fa, i premi di produzione  pari a una mensilità oltre a un “bonus” aggiuntivo di 100 euro per rimborso spese o benzina.

L’evoluzione e lo sviluppo di tutti i vari settori industriali, che si arricchirà di altri 2.000 mq di superficie coperta che verranno ufficialmente inaugurati durante il prossimo EIMA (7-11 novembre 2018), ha goduto dell’accordo di collaborazione, sottoscritta oltre trent’anni fa (1986), con la multinazionale francese KUHN. 

Dalla Kuhn ho appreso moltissimo – dichiara Mario Rossi – in fatto organizzativo e industriale. Ogni volta che tornavo dalla Francia mi sembrava di tornare da una lezione all’Università e cercavo di applicare gli insegnamenti acquisiti. Ho così tanto riversato nella Nobili Spa i modelli dei nostri partner che , in occasione dell’ultima vista a Molinella, l’Amministratore Delegato di Kuhn ha esclamato che gli sembrava di essere in una fabbrica del loro gruppo.

In conclusione la Nobili SpA somma i fattori positivi di un’azienda familiare con l’impostazione tipica delle multinazionali, attenta alla organizzazione,  fortemente orientata alla ricerca (il 2% del fatturato è destinato alla Ricerca e Sviluppo) e il mondo come mercato di riferimento (il 80% del fatturato esce dai confini nazionali).  

Arrivederci quindi all’EIMA, dal 7 all’11 di novembre, per incontrare le novità di NOBILI che anticiperemo nel prossimo articolo dedicato alla Nobili Spa.

 

Torna su