Il terrore, l’arma segreta di Bruxelles.

La strategia è ormai evidente. Generare il terrore sulla popolazione per mettere in apprensione il Governo e indurlo a chinare la testa alle richieste insane di Bruxelles.

di Lamberto Colla Parma 28 ottobre 2018 –

Torna il tam tam dello spread e delle ripercussioni di quel  temutissimo numero sui conti degli italiani. Sui mutui, sostengono i suoi infidi sostenitori, degli italiani ci saranno pesanti ricadute. E uno dei più forti sostenitori di questa “palla galattica” è l’ex Ministro Martina e attuale segretario del PD, lo stesso che si infuriò per l’azione del governo a sfavore dei portatori di disabilità, dimenticando che quella operazione l’aveva realizzata il Governo Gentiloni, quindi con lui al ministero dell’agricoltura.

L’attacco al Governo italiano è totale e continuativa. Almeno tre alti funzionari europei, ogni giorno, alternano le loro invettive sulla manovra economica e anche le inqualificabili agenzie di Rating son tornate, 7 anni  dopo il pressante lavoro ai fianchi operato ai danni di Berlusconi, a lanciare le loro macumba, raggiungendo vette ridicole allorquando declassano l’Italia ma, come fatto da Moody’s, mantengono costante l’Outlook. sarebbe come se il medico dicesse al paziente, non ancora malato,  “prenditi sto olio di ricino” o “sta purga” e fatti un “tre clisteri al giorno”.

In tutto questo bailamme di sproloqui stupisce ci sia anche la voce di Berlusconi, della Gelmini e di Tajani, di quella Forza Italia che venne devastata dallo spread a 600 nel 2011 e che oggi avrebbe invece interesse a prendersi la rivincita sostenendo il suo partner, non si sa per quanto tempo ancora, perché presto o tardi tutti i forzisti passeranno in Lega di Matteo Salvini.

Il terrore è perciò l’arma in mano all’establishment per annientare l’Italia al più presto, prima delle elezioni europee.

In caso contrario si potrebbero sommare due effetti catastrofici per i “mandarini di Bruxelles” come li ha etichettati l’editorialista del WSJ:

  1. l’ira di Salvini diventerà contagiosa e i vari Juncker e Moscovici verranno definitivamente sepolti;
  2. se la manovra economica italiana dovesse avere un effetto positivo, la trojka & C.  e le teorie delle manovre correttive all’insegna dell’austerity verrebbero spazzate via con conseguenze presumibilmente drammatiche per l’UE.

Obiettivo irrinunciabile è quindi fare cadere questo Governo che sta minando l’intera Europa, quella che ha tradito i valori dei suoi fondatori!

Eppure qualcosa si muove a favore dell’Italia .

In mezzo a questo tiro incrociato al governo gialloverde, nelle scorse ore si è invece schierato l’autorevole Wall Street Journal (WSJ) titolndo “I MANDARINI UE LASCINO CRESCERE L’ITALIA

Come riportato da Dagospia richiamando www.affaritaliani.it “I mandarini di Bruxelles hanno scelto di fare la battaglia sbagliata contro Roma” e ancora più avanti “Se Bruxelles vuole veramente vincere una battaglia sul bilancio – spiega l’editorialista – dovrebbe preoccuparsi meno di dubbiosi target di bilancio e più delle politiche che aiutano l’Italia a crescere”. Già, perché non solo sarebbe gravissimo secondo il Wsj che all’Italia venisse imposta una sanzione pari allo 0,2% del pil, ma anche che fosse costretta a rinunciare alla flat tax pro-crescita. “In ambedue i casi, Roma potrebbe dire con ragione che i burocrati non eletti di Bruxelles stanno fermando la volontà degli elettori italiani’ aggiunge il Wall Street Journal, secondo il quale “merita” sostegno la flat-tax proposta dal vicepremier Matteo Salvini: ”Nessuno alla Commissione Europea sembra in grado di distinguere fra tagli delle tasse che aumentano gli incentivi alla crescita e spesa che non lo fa”.

Ecco un primo incoraggiamento a proseguire sulla strada del cambiamento, addirittura incentivando a sbilanciare la manovra verso la Flat Tax e quelle operazioni, giustamente un po’ più spregiudicate, utili al  rafforzare la ripresa dell’economia italiana che, nonostante tutto, è ancora una delle 10 più forti al mondo.

Infine, ma non da ultimo, anche Putin ha lanciato un salvagente all’Italia dichiarando la sua disponibilità a acquistare i Titoli di Stato nazionali, in barba alla macumba dello spread.

Chissà che le streghe rimangano intrappolate dai loro stessi riti satanici!

(Foto Giuseppe Conte con licenza CC-BY-NC-SA 3.0 IT

messe a disposizione da Palazzo Chigi)

(per restare sempre informati sugli editoriali)

Torna su