Il successo o il flop dell’organizzazione a matrice

Le persone che desiderano entrare in contatto con una azienda dovrebbero preventivamente analizzare, verificare e documentarsi sul modello organizzativo

implementato al proprio interno e chiedersi, onde evitare spiacevoli sorprese in futuro, quale tipo organizzazione è stata adottata, se verticale, orizzontale oppure a matrice.

Di Guido Zaccarelli Mirandola 27 ottobre 2018 – Per molti può essere intuitivo immaginare il funzionamento di una azienda piramidale che agisce grazie all’adozione di una linea di comando verticale con ruoli e funzioni precise e unica direzione dell’agire organizzativo.

Le linee verticali svolgono azioni funzionali con a capo i vari responsabili, acquisti, amministrazione, ricerca e sviluppo dalle quali discendono i reparti o i servizi. Allo stesso modo agisce il modello organizzativo orizzontale le cui linee d’azione sono legate alla divisione aziendale (tipiche sono i prodotti) con a capo i responsabili di prodotto ( A, B, C, ) o di progetto ( A, B, C, ). Molto difficile diventa ipotizzare come funziona un’azienda che ha adottato uno schema a matrice.

Per procedere occorre riferirsi all’immagine ben rappresentata da una rete da calcio, da pescatore o da internet (la rete delle reti). Lo schema di base è composto dalla combinazione delle linee di comando verticali e orizzontali che s’intersecano su più livelli funzionali e operativi detti nodi. Il nodo rappresenta il processo, definito come un insieme complesso di azioni e di attività compiute dall’uomo, o dalla macchina, per realizzare un determinato prodotto, o servizio, per raggiungere un fine. Dietro al nodo c’è l’uomo con le sue conoscenze, competenze e capacità personali, professionali e relazionali che consentono l’esecuzione del processo. Il risultato finale dipende fortemente dalle proprietà in seno all’individuo.

Come funziona un’azienda a matrice e cosa avviene nella realtà? Il responsabile della divisione ricerca e sviluppo (linea verticale) ordina di procedere in una determinata direzione e impartisce le azioni da intraprendere alla propria linea gerarchica, che scendendo a valle, incontra sul proprio percorso alcuni nodi creati dalla intersezione con altre linee orizzontali. Il responsabile della funzione prodotto (linea orizzontale) impartisce le proprie disposizioni seguendo la propria linea gerarchica. Gli ordini, purtroppo, vengono diramati con tempi e modalità differenti, raggiungendo, con tempi e modalità differenti, i singoli stadi intermedi (i nodi delle rete) ai quali il lavoratore deve rispondere con la massima tempestività. Le linee d’azione non comunicano tra di loro lasciando nella mani del lavoratore la responsabilità della gestione, che dopo strenui tentativi di ottenere riscontri, blocca ogni singola attività fino quando l’informazione è priva di ambiguità. Nasce il caos che regna sovrano nell’azienda e tra i lavoratori.

La confusione genera stress, portando la persona a vivere un forte disagio psico-fisico che si riflette in tutti gli ambienti in cui l’individuo opera ed entra in relazione. Come esempio, prendiamo un lavoratore al quale viene chiesto di svolgere quotidianamente un determinato numero di controlli, su attrezzature di vario tipo e di riportare i risultati delle singole indagini in un report finale. Il dover dare riscontro tempestivamente, e contemporaneamente, a differenti responsabili dell’azione svolta e il dover attendere i riscontri puntuali di conferma o smentita delle attività intraprese, o la richiesta di un supplemento di indagine, obbliga il lavoratore a ridurre il tempo dedicato al controllo e spesso a trascurare aspetti che possono incidere pesantemente sul risultato finale delle azioni messe in campo. Tempus fugit. Rallentare, o procrastinare, le risposte può essere fatale per il processo e per le persone che lo governano.

I riscontri devono arrivare nel minor tempo possibile e ricevere una gestione attenta e puntuale per favorire il lavoratore nella gestione efficiente ed efficace delle azioni e delle attività. Questi comportamenti, nel tempo, pregiudicano il benessere delle persone aprendo le porte alla disaffezione lavorativa e all’assenza dal lavoro con forti ricadute sul welfare sociale. Ecco apparire sulla porta d’ingresso principale dell’impresa l’outsourcing che è indipendente dal clima organizzativo.

L’organizzazione a matrice fa perno sulla elevata professionalità del lavoratore che consapevole delle proprie abilità, diventa nodo attivo del processo decisionale: riceve le informazioni e gestisce le priorità relazionandosi con il responsabile delle singole linee per raggiungere gli scopi aziendali. Riceve ordini trasversali e anziché fermare il processo organizza le informazioni ricevute si fa carico di promuovere tutte le azioni necessarie, (comprese quelle di raccordo con i vari responsabili) che avvallano in questo modo il procedere. Fare matching questo poterebbe essere lo slogan del lavoratore di una azienda a matrice. Nella realtà questo non succede, o succede molto di rado. L’azienda, quando assume un lavoratore, dovrebbe avviare un percorso formativo interno teso a illustrare il modello organizzativo adottato dall’impresa, i punti di forza e di debolezza, affinché le persone possano ritrovarsi e identificarsi con le azioni da mettere in campo per raggiungere gli obiettivi definiti nel piano strategico.

Riferimenti bibliografici: Guido Zaccarelli, La Conoscenza Condivisa, verso un nuovo modello di organizzazione aziendale e Dalla Piramide al Cerchio, la persona al centro dell’azienda, Franco Angeli.

 

GUIDO ZACCARELLI

Bibliografia: Informatica, insieme verso la conoscenza (2010) – La conoscenza condivisa, verso un nuovo modello organizzativo (2012) – Finestre di casa nostra (2013) – Dalla piramide al cerchio, la persona al centro della azienda (2016)
CURRICULUM
Guido Zaccarelli è referente dl Servizio Informativo dell’Azienda Sanitaria di Modena, presso il distretto di Mirandola. Laureato in Comunicazione e Marketing, ha conseguito un Master in Management per il coordinamento delle professioni sanitarie. Dal 2008 è docente di informatica presso l’Università di Modena Reggio.

Torna su