In Italia 32.000 morti premature per inquinamento

Ambiente.L’inquinamento atmosferico causa 518.700 morti premature in Europa. In Italia la cifra è di 32.000. A dirlo il rapporto dell’Agenzia europea dell’ambiente

L’esposizione prolungata all’inquinamento atmosferico ha causato la morte prematura di 518.700 persone in 41 paesi in Europa nel 2015, una cifra leggermente inferiore rispetto all’anno precedente (1.770 morti in meno), secondo il rapporto annuale sulla qualità dell’aria condotto dall’Agenzia europea dell’ambiente (AEA). Di questi, 483.400 si sono verificati nei 28 paesi dell’Unione europea (UE); in Italia ammontano a 32.000. Il problema più grande continua a concentrarsi sulle particelle sospese (PM di 10 e 2,5 micron), che hanno causato 422.000 di questi decessi, l’81% del totale. Il resto è dovuto alle elevate concentrazioni di biossido di azoto (NO2) e ozono (O3), che hanno causato rispettivamente 79.000 e 17.700 morti premature. Il rapporto include dati provenienti da oltre 2.500 stazioni di misurazione. Sebbene le variazioni da un anno all’altro siano ridotte, in Europa si è registrato un decremento medio del 60% delle morti premature attribuibili a particelle di 2,5 microgrammi tra il 1990 e il 2015, il più piccolo e, quindi, il più pericoloso.

L’inquinamento atmosferico continua a superare in molti luoghi i limiti fissati sia dall’UE che dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che sono più severi.Il rapporto mette in guardia dagli “impatti significativi” che la salute causa di essere esposti a questi livelli di inquinanti, “specialmente nelle aree urbane”. Il trasporto su strada è una delle principali fonti di inquinamento atmosferico, che contribuisce anche alle emissioni dell’agricoltura, della produzione di energia, dell’industria e delle famiglie. Circa il 74% della popolazione urbana dell’UE è stata esposta a concentrazioni di PM2,5, che superano i livelli raccomandati dall’OMS, secondo i dati del 2016, indica il rapporto. Inoltre, anche l’Istituto Max Planck per la chimica ha pubblicato un nuovo report sulla rivista Nature, in cui stima la mortalità da inquinamento dell’aria potrebbe raddoppiare entro il 2050 arrivando a interessare 6,6 milioni di persone all’anno.

Gli esperti hanno combinato un modello globale di chimica atmosferica con i dati demografici e le statistiche sulla salute per stimare il contributo di diversi inquinanti, in particolare nelle polveri sottili, alla mortalità prematura.

Stando ai dati, le emissioni derivanti dall’energia residenziale, ad esempio per riscaldarsi e cucinare, sono prevalenti in India e Cina e hanno l’impatto più alto a livello mondiale sulle morti premature. In molte aree degli Usa a pesare sono il traffico e la produzione di energia, mentre negli Stati Uniti orientali, Russia e Asia orientale le emissioni provenienti dall’agricoltura danno il contributo maggiore alle polveri sottili. Secondo uno studio correlato, condotto dall’università inglese di Leeds e pubblicato su Nature Geoscience, tra 400 e 1700 morti premature si sarebbero potute evitare se fossero stati ridotti in modo considerevole gli incendi legati alla deforestazione registrati nell’Amazzonia brasiliana negli ultimi anni. Gli esperti hanno unito misurazioni satellitari e terrestri a un modello di trasporto chimico per dimostrare che, nella regione, le concentrazioni di polveri sottili sono calate del 30% durante la stagione secca, proprio a seguito della riduzione degli incendi associati alla deforestazione. Mentre idati estratti dagli esperti in Europa dicono che oltre il 90% dei cittadini, è esposto a livelli di inquinamento atmosferico superiori ai limiti massimi suggeriti dall’OMS. L’inquinamento outdoor, causando malattie cardiocircolatorie, cancri ai polmoni e altre patologie, è responsabile di circa 482mila morti premature l’anno, quello degli ambienti interni di circa 117.200.

Le morti premature da inquinamento atmosferico causano danni per 1.400 miliardi di dollari e un altro 10% dei costi, che porta il totale a 1.600 miliardi, viene dalle malattie. Sempre in Europa il Paese con meno danni da inquinamento atmosferico è la Norvegia (0,3%), seguita dalla Svezia (0,9%) e dalla Finlandia con lo 0,7% (in allegato in basso la sintesi dei dati per Paese e il report completo). In Italia il danno è pari al 4,7% del Pil, con 97.193 milioni di dollari (88.550 milioni di euro) e circa 32.400 morti premature all’anno.

Alla luce di questi dati, osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti“,bisogna fare della lotta all’inquinamento atmosferico una priorità politica.
(29 ottobre 2018)

Torna su