Il colmo dei colmi – Nuova barzelletta o nuovo scandalo?

Se non fosse una cosa seria, anzi serissima, quello accaduto in Sicilia sarebbe una ennesima “freddura” da aggiungere alla serie de “il Colmo dei Colmi”.

di Lamberto Colla Parma 4 novembre 2018 –

Dopo ”lo sai qual’è il colmo per un idraulico? Avere un figlio che non capisce un tubo” ecco “lo sai qual’è il colmo per l’associazione anti racket”, l’arresto del presidente per estorsione”.

Un altro duro colpo alla credibilità delle organizzazioni di volontariato è arrivato con l’arresto del presidente di A.Si.A., l’associazione Antiracket, Salvatore Campo, accusato di  estorsione, peculato e falso.

Dopo le vergognose avventure “corsare” delle ONG del mare e i loro presunti contatti con gli scafisti, dopo lo scandalo “sessuale” e della “manina che spinse il decreto” della Croce Rossa, dopo l’incomprensibile dichiarazione dell’UNICEF di non sporgere querela nei confronti dei fratelli Conticini, indagati dalla Procura di Firenze perché accusati di avere utilizzato a fini personali parte dei fondi versati dalle associazioni umanitarie alla loro Play Therapy Africa (6,6 mln €), ecco emergere le presunte nefandezze del paladino siciliano della lotta alla mafia accusato di estorsione nei confronti di coloro che volevano accedere al fondo di solidarietà statale. Secondo gli investigatori Campo avrebbe costretto le vittime di usura ed estorsione della criminalità a pagargli una sorta di “pizzo”, che oscillava tra il 3 e il 5%, sui riconoscimenti che ottenevano dal fondo di solidarietà.

“…e io la sfido veramente” (la mafia ndr)  diceva  Salvatore Campo, durante gli incontri che promuoveva, come documentato dal Video pubblicato da MN Meridio News, ma tra le intercettazioni degli inquirenti ci sarebbero contenuti dai toni ben diversi “… non mi si può chiedere di mettere soldi di tasca mia” oppure Il mio lavoro… di questi 43mila euro (il risarcimento all’uomo, ndr), me lo ha pagato lei? Non mi ha dato niente…?”. La vittima sorridendo replica ironicamente: “Come pagato? La prossima volta le domando la ricevuta… se lo è scordato che gli abbiamo fatto il regalo anche alla signora?”

Se le accuse fossero provate sarebbe un episodio di una immoralità devastante per l’associazione e la lotta che, quotidianamente, i temerari imprenditori siciliani combattono contro il cancro mafioso.

Se le accuse venissero smentite il danno sarebbe altrettanto serio per di più stato consumato.

Forse un po’ più di riservatezza, almeno verso quei fatti di particolare delicatezza,  non sarebbe male, nell’interesse dell’accusato che, sino a prova contraria deve godere della presunzione di innocenza, e per il buon nome dell’Associazione o dell’Ente che non deve essere scalfita da accuse rivelate poi infondate.

L’imprinting negativo è ben difficile da alienare!

Video MN: https://youtu.be/xX2rO1vBIVc

 

(per restare sempre informati sugli editoriali)

Torna su