I numeri magici: il rapporto 20 / 80

Per studiare l’andamento economico della propria azienda attraverso l’analisi approfondita del fatturato generato dai migliori clienti, al pari di quelle

sociologiche per osservare le reazioni e i comportamenti delle persone in un processo di scelta, serve un metodo. Uno di questi è il rapporto 20 / 80, considerato il riferimento empirico più importante per delineare l’andamento di un fenomeno in relazione ad un contesto.

Di Guido Zaccarelli Mirandola 4 novembre 2018 – Vilfredo Federico Damaso Pareto è stato un ingegnere che ha dedicato la sua esistenza allo studio dell’economia e della filosofia. Vissuto tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento in Francia, dove è nato, e in Italia dove ha fissato la sua dimora, Vilfredo Pareto ha elaborato un teoria empirica statistica e matematica chiamata: Principio di Pareto, che ha dimostrato come il 20% delle cause provoca l’80% degli effetti.

Lo studio nasce dall’impossibilità di predire in forma precisa l’andamento di un fenomeno quando questo si presenta in forma complessa. Un sistema (o un contesto) è complesso quando non si riesce a definire in modo preciso le relazione esistente tra tutti gli elementi che appartengono all’insieme. La società è un sistema complesso per la mancata capacità dell’uomo di osservare in modo preciso le relazioni esistenti tra tutte le persone. La complessità, (dal latino cum plexum) “è una parola problema e non una parola soluzione”, come afferma Edgard Morin, filosofo e sociologo francese che affronta il concetto di “comunità planetaria” guidata da un destino comune e non da tante comunità in grado di esprimere un proprio destino.

Ora le singole comunità sono incluse in una comunità più grande che le guida verso uno scopo comune. La comunità planetaria è un sistema complesso e il principio di Vilfredo Pareto è importante per riuscire a rappresentare l’andamento di un fenomeno in relazione ad un altro. La complessità è l’espressione autentica di una dimensione della quale è difficile definire i contorni e i contenuti. Ma è fondamentale per rappresentare un fenomeno che non è più in grado di ritornare alle origini perché ha superato il punto di non ritorno, chiamato, “punto di massa critica”.

La rappresentazione si ottiene impiegando il principio di Vilfredo Pareto, il rapporto 20 / 80. Fino ad un certo punto il sistema può essere controllato e ogni fenomeno orientato verso una direzione oppure in un’altra. Superato il punto (esempio il 20 %) il sistema si stacca dalla posizione precedente e assume un altro andamento, complesso, e spesso fuori controllo. Internet è un sistema complesso. Le sue origini sono lontane dalle applicazioni che oggi vengono impiegate e che nessuno ne ipotizzava la presenza e quindi un possibile utilizzo, che ha permesso la creazione di una comunità globale che racchiude al proprio interno tutte le singole comunità presenti sulla terra condizionandone gli usi e i costumi e le identità.

Con il principio di Vilfredo Pareto è possibile rappresentare l’evoluzione di Internet: per un periodo di tempo, circa il 20 % internet è stato impiegato per usi strumentali, didattici e militari. Poi, ad un certo punto è scoppiato il fenomeno 80% e questo spiega come non sia possibile tornare alle origini assumendo l’identità di un sistema complesso. Questo vale per la posta elettronica, per il telefono e altri fenomeni che sono visibili a tutti. In azienda, le slide si rincorrono per dimostrare come il 20% dei migliori clienti è in grado di realizzare l’80% del fatturato.
Come l’economia di scala sia in grado di rendere efficiente i costi e aumentare la marginalità operativa di un determinato ambito e dell’azienda in senso globale. Grazie quindi agli studi e alle intuizioni di Vilfredo Pareto siamo oggi in grado di rappresentare la complessità, tutti quei fenomeni che l’uomo non è in grado di definire in altro modo se non scomponendo la complessità in sottoinsiemi più ridotti, da comunità planetaria a singola comunità, in grado di definire i contorni e comprendere i contenuti e i movimenti. L’uomo è una agente a razionalità limitata e solo riducendo la complessità è in grado di orientare le scelte grazie e di rappresentarle con il rapporto 20/80.

Riferimenti bibliografici: Guido Zaccarelli, La Conoscenza Condivisa, verso un nuovo modello di organizzazione aziendale e Dalla Piramide al Cerchio, la persona al centro dell’azienda, Franco Angeli. Riferimenti sitografici: https://www.wikipedia.org/

GUIDO ZACCARELLI

Bibliografia: Informatica, insieme verso la conoscenza (2010) – La conoscenza condivisa, verso un nuovo modello organizzativo (2012) – Finestre di casa nostra (2013) – Dalla piramide al cerchio, la persona al centro della azienda (2016)
CURRICULUM
Guido Zaccarelli, è docente di informatica, consulente aziendale, saggista e collaboratore redazionale con Gazzetta dell’Emilia. È laureato in Comunicazione e Marketing, ha conseguito un Master in Management per il coordinamento delle professioni sanitarie e frequentato la scuola di alta specializzazione per formatore e consulente d’impresa. È stato referente del Servizio Informativo dell’Azienda Sanitaria di Modena, presso il distretto di Mirandola e dal 2008 al 2018 docente di informatica presso l’Università di Modena Reggio.

Torna su