La piena del Po nel parmense, sotto controllo dalla Bonifica

Piena del Po, la Bonifica Parmense regola il flusso delle acque. L’attivazione degli impianti di sollevamento e le manovre dei tecnici sulle chiaviche hanno regolato gli abbondanti flussi nel corso della piena transitata nel Parmense

Parma, 9 Novembre 2018 – Quaranta, tra tecnici e operai, del Consorzio della Bonifica Parmense sono attivi full-time da due giorni per effettuare le operazioni di difesa idraulica del territorio attraverso l’azionamento di sessanta chiaviche che consentono la regolazione del flussi delle acque che hanno caratterizzato la portata di piena del Po transitata dalla nostra provincia.

Fondamentali per il sollevamento dell’abbondante quantità d’acqua (530.000 metri cubi) si sono confermati gli impianti idrovori governati dal Consorzio. Nel dettaglio, rilevante, è stato il contributo nello smaltimento della piena dell’impianto Travacone di Colorno che ha pompato acqua nel Canale Naviglio, di quello di Mezzani che ha pompato nel torrente Enza, l’impianto di Coltaro che ha riversato acqua del Canale Fossetta dell’Abate, l’impianto Foce Naviglio e Chiavica Rossa nel torrente Parma e infine l’impianto Rigosa Bassa nel Taro.

Altra operazione idraulica risultata essenziale per quell’area è stata l’attivazione, a Mezzani, dei 3 sifoni Bigone che per caduta portano acqua nel Parma Morta e poi nell’Enza.

Coltaro – Sissa Trecasali (PR)

In copertina la Chiavica di Sanguigna (Colorno – PR)

 

Torna su