Ma che splendidi alleati (5). La fortuna d’essere paragnosti.

La saga delle gesta eroiche dei nostri alleati si arricchisce di nuovi esilaranti episodi. Dai maltesi, benzinai d’alto mare ai membri paragnosti del’UE capaci di leggere i documenti italiani quando sono ancora nel furgone del postino.   

di Lamberto Colla Parma 18 novembre 2018 –

Non c’è che dire. Gli Uemanoidi non si smentiscono mai e con caparbietà proseguono nella loro presuntuosa, stucchevole e ormai vomitevole linea di condotta anti-italiana.

Dopo aver fatto bere cisterne di olio di ricino ai greci, accorgendosi tardivamente dell’errore, eccoli qui pronti con la stessa ricetta da somministrare agli italiani.

Ma mentre si discute sulla manovra finanziaria, i piccoli e terribili alleati maltesi si trasformano in benzinai e invece di portare soccorso all’ennesimo barcone rimasto all’asciutto in mezzo al mare, all’interno delle loro acque territoriali, hanno ben pensato di portargli una qualche tanica di benzina, girargli la prua verso nord-ovest e spedirli come un pacco postale verso le coste italiane.

Tutto normale, secondo le convenzioni internazionali di soccorso in mare e in perfetto stile cooperativo europeo.

Verso i maltesi tutti tacciono, ma non altrettanto silenzio è riservato a qualsiasi sospiro italico.

Così, mentre la corrispondenza di Palazzo Chigi viaggia di notte verso Bruxelles, il mattino seguente i giornali sono già colmi dei commenti di mezza europa.

Olandesi e Austriaci furono i primi, mercoledi mattina, a cantare e a invocare per l’Italia una procedura di infrazione. E a questo punto sorge spontanea la domanda: Ma chi sono e quanti “milllesimi” hanno da far valere all’assemblea del “Condominio Europa  questi due staterelli per permettersi di alzare la cresta?

Così, ponendosi la medesima domanda anche i parrrucconi di Bruxelles, ecco spuntare gli obici da 55.

Quindi, senza saper né leggere né scrivere, ma forti dei loro poteri paranormali gli Uemanoidi, imboscati nelle taverne dei parlamenti europei, tornano a muggire contro l’Italia e il suo documento di programmazione.

Il primo a esporsi, dopo gli staterelli,  è l’autorevole opinione di Markus Ferber,  il tedesco dimenticato forse perduto sin dal 1994 tra le innumerevoli stanze di Bruxelles e Strasburgo, che ha osato minacciare di “mandare la Troika” in Italia.  Proprio lui, uno dei responsabili del disastro UE in quanto è dal 2009  membro della commissione Affari economici e monetari dell’Europarlamento dopo essere stato, per i 10 anni precedenti, membro della commissione Bilancio. Insomma un autentico Uemanoide DOC.

A Bruxelles però, accortisi che questo “ignoto” qualsiasi non ha peso politico sufficiente, ecco che comandano ai soliti tedeschi di estrarre i loro V2.

Nelle successive 24 ore il principale quotidiano finanziario del Paese, i capo-economisti delle maggiori banche tedesche, il presidente della Banca centrale e la cancelliera federale hanno espresso la loro apprensione per debito pubblico italiano, preparando la strada per lo scontro Berlino – Roma.

Jörg Krämer, capo-economista di Commerzbank, secondo istituto di credito della Germania, nel suo intervento pubblicato su Handelsblatt Global non ci sono spazi all’interpretazione: “Lasciare che i mercati castighino i populisti italiani”. Insomma, posto che questa volta, a differenza del tandem Berlusconi-Monti, il Governo gode di ampia popolarità e l’intervento del Presidente della Repubblica non è realizzabile, la ricetta di Krämer sarebbe di attendere “Affinché i mercati esercitino la loro disciplina, la Bce si deve attenere alle regole”, e stare ferma fino a quando l’Italia, sotto lo schiaffo dei mercati, non accetti le riforme “chieste” da Bruxelles. Una situazione di crisi che, dopo tanto tacere, ha indotto la stessa Merkel a esprimersi sottolineando che l’Italia è un paese fondatore dell’UE e “ha deciso insieme a tutti gli altri le regole che oggi sono all’origine della nostra base giuridica

Avanti a tutto spread, come promesso già 35 giorni prima della elezioni del 4 marzo scorso come ci ricorda questo link: http://www.gazzettadellemilia.it/politica/item/18753-35-giorni-e-già-minacciano-di-“spread”.html

(in allegato la lettera del Ministro TRIA e il documento Programmatico del Governo)

(per restare sempre informati sugli editoriali)

Ue-ITA-documento programmatico bilancio 2019 UE-Lettera a Commissione UE-Governo ITA 13nov18

Pdf Allegati 

Torna su