Homo stupidus, stupidus, stupidus? Ci pensano i cinesi a correggere la società!

Dall’Homo Sapiens all’Homo stupidus, stupidus, stupidus. L’evoluzione deviata della specie umana sta per essere corretta dagli scienziati cinesi che, grazie alla pratica del “genoma editing” (vietata negli USA), hanno generato una coppia di gemelline “resistenti” all’HIV.

di Lamberto Colla Parma 2 dicembre 2018 –

Finalmente abbiamo una speranza. La stupidità non apparterrà più al genere umano. Con molta probabilità, come la ricchezza, anche il patrimonio genetico e la sua chiave interpretativa resterà in mano ai 25 potenti del mondo, che sostituiranno l’Homo stupidus, stupidus, stupidus con cloni resistenti e di poche pretese.

L’homo stupidus, stupidus, stupidus secondo il noto psichiatra e scrittore Vittorino Andreoli, ha infatti preso il posto dell’homo sapiens. “Viviamo in una società dominata dalle frustrazioni. La sensazione prevalente è quella di trovarsi in un ambiente in cui ci si sente esclusi, ci si sente insicuri, si ha paura. Si accumula così la frustrazione, che poi diventa rabbia. Il nostro tempo non è violento, è distruttivo”.

Una società, aggiungo io, dove la presunzione e l’ignoranza sono dominanti sulla cultura e sul buon senso. Una società dove il rispetto della persona non è quasi più contemplato e si rimane stupiti quando si incontra l’uomo o la donna, fuori tempo, che si rivolgono con gentilezza verso uno sconosciuto, il prossimo di cristiana memoria.

L’ignoranza sta conquistando il mondo, affascina le folle, forse perché sembra uno spazio di libertà e l’umano vi si rifugia in alternativa alla follia.

Un esempio concreto di questa tendenza sociale è rappresentata dai “terrapiattisti”, i sostenitori della teoria che la terra sia piatta, che l’Australia non esista e che al confine del mondo ci siano altissime pareti di ghiaccio militarmente protette. Insomma, un gruppo sempre più numeroso di soggetti convinti che tutto quello che ci racconta la scienza sia figlio del grande complotto degli illuminati e dei poteri forti.

Ormai dominati dai social network, e soprattutto privi di qualsiasi capacità di interpretazione critica, è lo stesso Andreoli spingersi a dire che ”Stiamo vivendo con due cervelli: uno digitale, l’altro di carne.’ Una situazione che potrebbe essere l’anticamera della follia, se è vero che la follia sia determinata dallo spegnimento della personalità.

Tutto può essere messo in discussione e quello che un tempo erano il materasso dei limiti della conoscenza, ovvero il buon senso e l’etica, anche questi stanno scomparendo lasciando al caos ogni governo delle società e della scienza.

Così, se 22 anni fa, alla presentazione della pecora Dolly si scatenarono tutti gli intellettuali del mondo, oggi, alla presentazione delle gemelline modificate geneticamente da un team di scienziati cinesi non si è sentita una sola parola.

E’ persino difficile rintracciare le notizie in internet nonostante sia una news di sette giorni fa.

Da 22 anni ci si interrogava se la clonazione animale fosse applicabile a quella umana e oggi, che non solo sembra sia fattibile ma addirittura si possa intervenire sul miglioramento di determinate caratteristiche di resistenza alle patologie (HIV nel caso della sperimentazione cinese) non c’è stato un solo commento di chicchessia, scienziato o tuttologo onnipresente sulle reti televisive, che abbia fatto un commento.

Forse sono tutti troppo impegnati a commentare i comportamenti dei “ben poco Vips” rinchiusi nella casa del Grande Fratello.

Una domanda però è lecito porci:non è che per caso, vista la nostra resistenza e capacità di sopravvivenza con sempre meno risorse, siamo già noi stessi il frutto della manipolazione genetica?

Torna su