L’abbraccio, la dimensione aurea della reciprocità (personale e aziendale)

Il bene unisce gli uomini. Il volersi bene è l’espressione immediata, e la dimensione autentica, con la quale l’emozione s’incammina verso l’altro, chiudendosi nel cerchio della reciprocità: è un dare senza perdere e un prendere senza togliere.

Di Guido Zaccarelli Mirandola 29 novembre 2018 – Il bene è l’espressione vera che consente agli uomini di stare insieme e di condividere con il corpo, con la mente e con lo Spirito, l’evoluzione temporale della vita. Il corpo da solo è terra. La mente mette in movimento il corpo, per dare ragione della sua esistenza. Lo Spirito è l’energia vitale che dà senso alla vita, che da sola, sarebbe solo terra e mente. La nascita è un atto di amore, che vede l’abbraccio protagonista assoluto dell’accoglienza, con il quale il cosmo si dispone per farlo respirare a pieni polmoni.

L’abbraccio a metà arresta la sua funzione cardine, limitandone l’azione quotidiana e la consapevolezza di incoraggiare l’uomo alla relazione sociale, per farlo defluire nel mare della solitudine. L’identità futura è ancorata a quel momento, e l’imprinting che si genera è un DNA immodificabile, tranne quando appare all’orizzonte, un abbraccio più forte in grado di generare un’emozione di grado assoluto, al pari di uno tsunami. L’uomo avanza sulla strada della vita e incontra ogni giorno l’abbraccio del tempo, che vede in lui il motivo del suo esistere all’infinito.

Nel mondo reale, l’ideale dell’abbraccio si placa, quando appare l’individuo nella sua dimensione di “essere indivisibile”, strenuamente proiettato nel suo mondo, alla ricerca di una identità soggettiva, priva di significato sociale ma ricca di personalismi. Ecco l’abbraccio a metà. La condivisione nasce quando le persone si sentono accolte in un abbraccio, che va oltre il significa economico, che li guida alla ricerca della felicità. Essere accolti in famiglia, a scuola, in una associazione, in qualsiasi contesto altro, rende le persone felici.

Un luogo di lavoro felice porta le persone ad abbracciare la dimensione economica e valoriale di una azienda, e contribuire alla crescita reciproca, dove i desideri degli uni si abbracciano nei bisogni dell’altro in modo circolare, sostenuto da un flusso di emozione, che opportunamente orientato, porta al successo di entrambi. Il benessere che si forma è l’ambiente ideale dove le persone desiderano rimanere, lontane da tutte quelle situazioni che possono togliere l’energia alla forza gravitazionale che li tiene uniti e che desiderano vivere in maniera incondizionata. Entrare in azienda e ricevere un abbraccio, non solo fisico, ma anche morale, rinforza l’identità soggettiva che vede la sua immagine proiettata in un disegno più grande, al pari di altri, che si muovono nella stessa direzione. Come nella serie del film, i pinguini di Madagascar, le cui immagini ci portano a vedere come i pinguini si muovono insieme: la dispersione del calore viene limitata dalla distanza che ognuno di loro raccomanda di mantenere a chi lo segue e a chi lo precede.

La visione d’insieme ci porta a vedere i pinguini immersi in un abbraccio che li guida verso un destino comune. «Ci servono quattro abbracci al giorno per sopravvivere, otto per mantenerci in salute e dodici per crescere», così sosteneva la psicoterapeuta statunitense Virginia Satir, nota in tutto il mondo, per il suo lavoro dedicato a ricostruire la famiglia, e utilizzato ampiamente per modificare i modelli organizzativi delle imprese.

L’intero lavoro è stato svolto per consegnare alle persone la possibilità di diventare più umani, partendo dalla famiglia, per arrivare al mondo. La Conoscenza Condivisa ambisce a correre sugli stessi binari, per raggiungere le organizzazioni aziendali, con lo scopo di rendere più umano e felice il lavoro delle persone nelle imprese. Virgina Satir, nel 1984, parlava alla gente relativamente alla relazione tra le persone: «le persone sono davvero rotonde. Ciò significa per me guardare le persone come persone che hanno un potenziale che può essere realizzato, come le persone che possono avere sogni e avere i loro sogni risolvere. Ciò che le persone mi portano sotto forma di problemi sono i loro modi di vivere che li tengono ostacolati e orientato patologicamente, quello che stiamo facendo ora è vedere come l’educazione ci permette di andare verso più gioia, più realtà,più connettività, più realizzazione e maggiori opportunità di crescita per le persone».

I talenti debitamente tenuti all’oscuro sotto la linea di galleggiamento dell’esistenza umana, rendono impraticabile la via della relazione verso l’abbraccio, orientato ad accrescere il valore economico e patrimoniale del singolo, e dell’impresa in valore assoluto. Reprimere lo Spirito è un danno incalcolabile per l’intera umanità, che s’indebita ogni giorno di nuove ricchezze, perdendo lo scopo della sua stessa natura, che spinge l’uomo fin dalla sua nascita, all’accoglienza, per godere della forza aurea della reciprocità.

Riferimenti La Conoscenza Condivisa, verso un nuovo modello di organizzazione aziendale e Dalla Piramide al Cerchio, la persona al centro dell’azienda, Franco Angeli. https://www.wikipedia.org/

 

Guido Zaccarelli, è docente di informatica, consulente aziendale, saggista e collaboratore redazionale con Gazzetta dell’Emilia. È laureato in Comunicazione e Marketing, ha conseguito un Master in Management per il coordinamento delle professioni sanitarie e frequentato la scuola di alta specializzazione per formatore e consulente d’impresa. È stato referente del Servizio Informativo dell’Azienda Sanitaria di Modena, presso il distretto di Mirandola e dal 2008 al 2018 docente di informatica presso l’Università di Modena Reggio.
Bibliografia: Informatica, insieme verso la conoscenza (2010) – La conoscenza condivisa, verso un nuovo modello organizzativo (2012) – Finestre di casa nostra (2013) – Dalla piramide al cerchio, la persona al centro della azienda (2016)

Torna su