Bonifica Centrale, il piano triennale 2019-2021

Piano triennale 2019-2021, interventi sul territorio e Val’Enza: priorità per il nuovo Comitato dell’Emilia Centrale. La prima seduta esecutiva ha subito affrontato i temi più caldi che provengono dalle istanze dal territorio gestito

REGGIO EMILIA – 14/12/2018 – Battesimo stagionale per nuovo Comitato Esecutivo del Consorzio dell’Emilia Centrale che, dopo la seduta elettiva d’insediamento, si è ritrovato nella sede di Corso Garibaldi a Reggio Emilia per individuare e accelerare tutte le azioni tecniche , progettuali e amministrative che riguardano la gestione della risorsa idrica di competenza nell’esteso comprensorio di bonifica che tocca ben 4 province (Reggio Emilia, Modena, Parma e Mantova).

Il neo presidente dell’ente Matteo Catellani, alla presenza della totalità dei membri del Comitato consortile, dei dirigenti tecnici e amministrativi e dei sindaci revisori, ha introdotto la seduta ponendo al centro della discussione, già in apertura, il Piano Strategico Triennale di bilancio 2019-2021 che sostiene – alla base – una pianificazione mirata degli interventi e dei lavori sul territorio e consente una gestione oculata della macchina tecnico-amministrativa.

Nel corso dell’incontro, tra gli altri temi affrontati, anche il fabbisogno di acqua in Val d’Enza e a tal proposito si è ribadita l’urgenza di una azione che consenta al più presto una programmazione mirata nell’area considerata da parte di tutte le istituzioni e amministrazioni chiamate a risponde alle necessità dell’intero territorio nel suo complesso: delle operose comunità insediate, delle imprese agricole e agroalimentari e dell’indiscusso valore ambientale e paesaggistico dell’area considerata.

Torna su