La replica di AMO COLORNO a AIPO

Riceviamo e pubblichiamo la replica del gruppo AMO Colorno che peraltro si dichiara disponibile a un incontro pubblico con i vertici di AIPO, “al fine di aprire un serio dibattito” sulla questione, “ al fine di mettere in sicurezza il centro storico di Colorno e l’intero paese fin da subito”.

Con la seguente comunicazione, il gruppo AMO – COLORNO intende replicare alla nota emessa da AIPO e pubblicata sul gruppo ufficiale del comune di Colorno, presente sul social network Facebook, il giorno 31 dicembre alle ore 19:50.

 

In merito alle porte vinciane del Lorno sulle quali l’Ing. Roberto Colla, membro del coordinamento del gruppo per la parte rischi idrogeologici, aveva dimostrato perplessità sul corretto montaggio delle stesse, teniamo a precisare che è comprensibile che tutta l’acqua del Parma non possa essere deviata nel Lorno. L’acqua che dovrebbe passare è solamente la quantità in eccesso. Una minima parte di acqua al fine di evitare allagamenti del centro di Colorno, e della reggia. Già tempo fa l’ex assessore del comune di Colorno, Stefano Mori, aveva sottolineato in un articolo di stampa, la privazione della possibilità di regolare l’impianto in funzione di diversi scenari. A tal proposito torna doverosa la proposta dell’Ing. Colla, in merito all’installazione di paratie mobili regolabili e torna attuale la richiesta di commissionare uno studio atto a chiarire se il torrente Lorno possa essere realmente utilizzato come scolmatore della piena del Parma, nelle quantità minimi atte ad evitare allagamenti in paese. Ci preme ricordare che in passato anche il partito PSI aveva sottolineato l’importanza di valutare la possibilità di deviare una parte di acqua del torrente Parma.

 

Premesso che il gruppo AMO – COLORNO, non ha mai voluto sminuire l’utilizzo e l’importanza dei presidi idraulici oggi in funzione, in merito all’argine del Và e vieni, lato ovest, che è stato rialzato, vogliamo ribadire l’importanza del concetto precedentemente elaborato dai nostri antenati, che diede importanza all’argine più basso per, in casi eccezionali, salvaguardare il paese, deviando l’acqua in eccesso verso l’esterno, in aree poco antropizzate. Perfetto esempio di sfioramento laterale in zone poco antropizzate tramite stramazzo in parete grossa tipo Belanger.

 

In merito invece alla garanzia della gestione coordinata atta a diminuire drasticamente i rischi da esondazione che Aipo riporta nella sua comunicazione, pensiamo che sarebbe già dovuto essere così con il solo utilizzo della cassa di espansione del Parma, avendo la stessa, la possibilità di fermare un’ampia quantità di acqua, salvaguardando Colorno dalle alluvioni, come evinto dalle considerazioni fatte a suo tempo.

 

Infine sulle esondazioni controllate, siamo pienamente convinti che vi sia la possibilità di riconoscere e “sfruttare” aree non o poco antropizzate, senza danneggiare agricoltori o sporadiche aree residenziali. Il tutto non in sostituzione della costosa cassa di espansione sul Baganza, o del bacino di Armorano, ma in supporto e come “tampone” in attesa dei tempi tecnici e burocratici per la costruzione del manufatto idraulico. Tempi che potrebbero prolungarsi fino a dieci anni.

 

Siamo a chiedere quindi un incontro pubblico con i vertici di Aipo, al fine di aprire un serio dibattito in merito. Incontro pubblico incentrato sul tema atto a trovare soluzioni attuabili nell’immediato al fine di mettere in sicurezza il centro storico di Colorno e l’intero paese fin da subito, non potendo attendere tempi lunghissimi per una cassa di espansione che noi riteniamo insufficiente per il nodo idraulico di Colorno.

 

Il gruppo

 

AMO – COLORNO

 

 

Torna su