Il mondo chiede all’uomo di vincere l’entropia

Il mondo ci osserva da vicino e da lontano, a volte con un solo occhio, a volte con due. Nel mentre riflette sulle condizioni in cui versa l’uomo, nella speranza che i singoli proclami si trasformino in azioni concrete, atte a bloccare l’entropia, per dare una svolta al futuro, lontano dalle illusioni.

Di Guido Zaccarelli Mirandola 11 gennaio 2019 – L’entropia e l’illusione sono parole che vivono di vita propria, ma osservate con un occhio attento, mostrano una sottile prossimità, una comune vicinanza, dove una vive il riflesso dell’altra. L’entropia ci porta a vedere una trasformazione, ambientale, sociale, relazionale ed economica che avviene dal di dentro, spesso invisibile, i cui riflessi non sono immediatamente percepiti all’occhio umano, ma emergono incontrastati nel tempo, quando il fenomeno entra irrimediabilmente nel caos.

 

L’esempio più immediato ci viene proposto quando versiamo una modesta quantità di vino rosso in un bicchiere che contiene dell’acqua. Il vino si muove rapidamente verso il fondo, seguendo strade che cambiano rapidamente, fino a quando il colore rosso prevale rispetto alla condizione precedente, per raggiungere l’equilibrio. Il colore maschera l’andamento delle molecole che scontrandosi invisibili, le une con le altre, si comportano come le palline del biliardo, quando vengono colpite da una pallina esterna, che vuole modificare il loro stato d’equilibrio: il vino versato nell’acqua.

 

Nei casi specifici, è possibile tornare alle origini, riportando le palline nella loro condizione iniziale, oppure separare l’acqua dal vino? La risposta viene da sé. Il mago, è la persona che sul palcoscenico del teatro riesce a mostrare come l’acqua e il vino si possono unire e separare. Che lanciando una pallina in mezzo alle altre è possibile ritornare nelle condizioni iniziali. Illude il pubblico giocando con la realtà.

 

L’illusione nasce come dimensione ludica in cui l’uomo, o le circostanze, danno luogo alle scenografie del gioco, e del divertimento, per assumere nel tempo il ruolo dell’attore protagonista, dove l’abilità del gioco diventa realtà. Il mondo vede l’uomo immerso nell’illusione della realtà, che afferma voler cambiare, non avendo presente bene l’entropia, il caos nel quale è sprofondato, e al quale ogni giorno cerca di dare rimedio con interventi che già all’inizio sanno di sconfitta. Eppure è lì, ogni giorno, fermo in se stesso, sul palcoscenico della magia, nel fare credere al mondo l’esatto contrario.

 

L’entropia è un problema che l’uomo deve risolvere, evitando di illudere se stesso e il mondo che lo sta osservando, da vicino e da lontano. Socrate non ha lasciato scritti, se non per mano di Platone. Egli riteneva che i problemi degli uomini si potevano risolvere con il dialogo, fondato sul confronto ragionevole delle opinioni, per individuare soluzioni possibili nei singoli momenti e comuni contesti. Il suo pensiero era, ed è tutt’ora, rivolto all’uomo e alla sua responsabilità, nel risolvere i problemi che lui stesso ha creato, invitandolo ad evitare le lotte di classe e ogni azione che contrasti con il bene sociale. Ritornare alle origini? Impossibile. Occorre mostrare, senza illusioni, come si muovono le molecole tra di loro per dare al mondo la possibilità di sostenere l’uomo nel difficile compito di abbandonare l’individualismo economico, fonte dell’entropia, per dare un senso etico alla formazione dell’economia 5.0, dove evitare che la crescita economica, sia ancora una volta frutto del singolo e lo sviluppo sociale distante dal valore etico delle native comunità.

 

Riferimenti bibliografici: Guido Zaccarelli, La Conoscenza Condivisa, verso un nuovo modello di organizzazione aziendale e Dalla Piramide al Cerchio, la persona al centro dell’azienda, Franco Angeli Editore.

Sitografia: http://www.homolaicus.com/teorici/socrate/socrate.htm

Torna su