Sulla legge di Bilancio 2019

di Mario Vacca Parma 13 gennaio 2019 – Diventando definitiva la Legge di Bilancio per il 2019 rende ufficiali  numerose misure tributarie.

L’articolo 1 della Legge n. 145/2018 contiene misure in merito ai crediti di imposta, alla rottamazione delle cartelle esattoriali, alle accise, alle detrazioni fiscali, al canone RAI, alle pensioni, ai Comuni colpiti dal sisma.

Definizione agevolata debiti

I contribuenti che versano in una grave e comprovata situazione di difficoltà economica (ISEE del nucleo familiare non superiore a 20mila euro) avranno la possibilità di accedere alla definizione agevolata dei debiti tributari – diversi da quelli oggetto dello stralcio fino a 1.000 euro previsto dal Dl 119/2018 – affidati all’agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017 e derivanti dall’omesso versamento delle imposte risultanti dalle dichiarazioni annuali e dalle attività di controllo automatico delle dichiarazioni stesse, nonché dall’omesso versamento dei contributi. Non saranno dovute le sanzioni e gli interessi di mora, ma solo il pagamento (in unica soluzione o in più rate) del capitale e degli interessi (nel caso di rateazione) che saranno dovuti in misura percentuale a seconda dell’ISEE (16%, 20% e 35%).

Accise

Legge di Bilancio 2019 blocca anche l’aumento delle accise sui carburanti per il 2019,  rimodula gli aumenti previsti a partire dal 2020 e stabilisce  che l’accisa sulla birra passi da 3 euro a 2,99 euro per ettolitro e grado-plato   semplificano le procedure di accertamento sulla birra prodotta presso birrifici artigianali di minore dimensione.

E’ prevista anche un aumento della componente specifica per il calcolo dell’accisa complessiva delle sigarette e l’accisa minima applicabile ad altri tabacchi lavorati. 

Veicoli storici

Viene disposta una riduzione del 50% della tassa automobilistica per gli autoveicoli e i motoveicoli di interesse storico e collezionistico con anzianità di immatricolazione compresa tra i venti e i ventinove anni, se in possesso del certificato di rilevanza storica, e qualora tale riconoscimento di storicità sia riportato sulla carta di circolazione.

Rimpatrio dei pensionati al Sud

E’ previsto un’incentivo per i pensionati residenti all’estero da almeno 5 anni che decidono di trasferirsi nel Mezzogiorno, in un comune delle Regioni Sicilia, Calabria, Sardegna, Campania, Basilicata, Abruzzo, Molise e Puglia con popolazione non superiore a 20mila abitanti. L’agevolazione si traduce in un’imposta sostitutiva del 7% da applicare ai redditi di qualunque categoria, percepiti da fonte estera o prodotti all’estero.

Sport bonus

E’ previsto  un credito di imposta del 65% a favore dei soggetti privati che  effettuino erogazioni liberali in denaro   nel corso del 2019 per interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici e per la realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche

Non vedenti

La misura della detrazione forfetaria relativa alle spese sostenute dai non vedenti per il mantenimento dei cani guida nel limite di spesa di 510.000 euro per il 2020 e di 290.000 euro annui a partire dal 2021 passa da 516,46 a 1.000 euro.

ZFU

La legge estende anche  le esenzioni e le agevolazioni previste per la zona franca urbana istituita nel territorio dei comuni terremotati del Centro Italia (articolo 46, Dl 50/2017) alle imprese che intraprendono una nuova iniziativa economica all’interno del perimetro della ZFU entro il 31 dicembre 2019 e proroga la fruibilità delle agevolazioni ai periodi di imposta 2019 e 2020.

Altresì vengono  prorogati  i termini per le agevolazioni concesse nei territori del sisma Centro Italia e  le agevolazioni fiscali che le imprese con la sede principale o una sede operativa all’interno della ZFU istituita nel territorio di Genova a seguito del crollo di un tratto del ponte Morandi possono richiedere, per la prosecuzione delle proprie attività all’interno del capoluogo ligure.

Torna su